FPI - News

primo consiglio direttivo della Scuola Nazionale di Pugilato – SNP

Ieri, domenica 5 dicembre, in Montecatini presso l’Hotel Manzoni in occasione dei Campionati Italiani Assoluti si è riunito il primo consiglio direttivo della Scuola Nazionale di Pugilato – SNP così composto:

  • Marco Consolati (Direttore SNP);
  • Consuelo Dessena (Vice Direttore SNP); ASSENTE GIUSTIFICATO
  • Alberto Tappa (Segretario SNP);
  • Fabrizio Baldantoni (Tesoriere SNP – Coordinatore Commissione bilancio);
  • Biagio Zurlo (Coordinatore Esecutivo Tecnici);
  • Mariangela Verna (Coordinatrice CTR);
  • Alessandro Renzini (Coordinatore CESAG);
  • Mario Sturla (Coordinatore Sanitario). ASSENTE GIUSTIFICATO
  • Di seguito gli argomenti trattati e le proposte operative:
  • CORSO DI CUT MAN 1° livello aperto anche ad operatori non sanitari.
  • CORSO DI CUT MAN di 2° livello riservato solo ed esclusivamente ai sanitari.
  • CORSO DI OSSERVATORE PUGILISTICO ;
  • CORSO PREPARATORE ATLETICO 1° livello aperto a tutti.
  • CORSO PREPARATORE ATLETICO 2° livello riservato esclusivamente ai laureati in Scienze motorie o
  • Fisioterapia.
  • CORSO PER ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE;
  • Uniformità nei programmi didattici per tutti i corsi. Presenza degli AAGG ai corsi per Tecnici e Tecnici ai
  • corsi per AAGG.
  • INCREMENTO SOSTANZIALE delle ore di TECNICA – TATTICA.
  • INSERIMENTO nei vari corsi Tecnici delle seguenti materie:
    1. Pugilato e disabilità;
    2. Anatomia;
    3. Fisiologia;
    4. Biomeccanica e traumatologia dello sport;
    5. Psicologia e Coaching Sportivo;
    6. Etica e Sport.
  • TEST DI INGRESSO per tutti i corsisti per l’accesso ai corsi da Tecnico dal 1° livello a salire.
  • Pagamento della tassa di esame di € 50,00 per coloro che lo debbono ripetere ( tutti i corsi).
  • CORSO BASE per Dirigenti societari a titolo gratuito.
  • Lavoreremo con celerità al fine di strutturare in breve tempo tutte le Unità Didattiche dei vari corsi. Saluti Dott. Marco Consolati

Boxando S'Impara - Progetto presentato all'Istituto Paolo Baffi di Fiumicino

Dopo il primo gong lanciato a giugno presso la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli, la Federazione Pugilistica Italiana entra in modo strutturato negli istituti scolastici con il progetto “Boxando s’impara”, iniziativa a carattere nazionale, incentrata sul Pugilato Educativo Scolastico, accreditata formalmente al MIUR nell’ambito dei progetti di Sport e Salute e promossa dalla FPI in collaborazione con i Comitati Regionali. I destinatari sono le Scuole Secondarie di II Grado ed agli Istituti Penitenziari. Braccio operativo è la Commissione Progetti Speciali in Ambito Scolastico, formata da professionisti della materia che hanno contribuito a far tornare il pugilato a scuola in 23 istituti scolastici diffusi sul territorio italiano. 

Due le classi coinvolte per ogni istituto, con una programmazione di dieci ore di lezioni pratiche da svolgere in orario curriculare, con il “kit di allenamento adidas” fornito dalla FPI e tenute da Tecnici Sportivi FPI, nove ore di lezioni teoriche on-line, a cura di docenti in organico FPI ed esperti, incentrate su materie sia tecniche che nutrizionali e sociali, ed una webinar finale di confronto e dialogo con il Campione e Ambassador FPI Roberto Cammarelle. 

Progetto che oggi (6/12) è stato presentato agli studenti dell'Istituto Paolo Baffi di Fumicino. Testimonial dell'evento odierno sono stati: il Prof. Massimo Scioti, il Campionissimo Emanuele Blandamura, e l'azzurra Olimpionica a Tokyo 2020 Giordana Sorrentino.

La presentazione è iniziata alle 10, con gli interventi della Dirigente Scolastica Monica Berbard, della Professoressa Virgina Placido, del Prof. Antonio Mancuso e del Prof. Massimo Scioti, e si è conclusa con un'esibizione, cui hanno preso parte anche alucni studenti, dei campioni Emanuele Blandamura e Giordana Sorrentino.

Diparimento per lo Sport: 1) INFO FONDO RISTORO SPESE SANITARIE E SANIFICAZIONE PER ASD 2) NUOVE LINEE GUIDA ORG. EVENTI SPORTIVI + ATTIVITA' BASE

il Dipartimento dello Sport ha recentemente pubblicato sul proprio sito:

  1. il decreto attuativo per il Fondo a ristoro di spese sanitarie e di sanificazione in favore delle società sportive professionistiche, delle società ed associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro CONI operanti in discipline ammesse ai Giochi olimpici e paralimpici.

Dipartimento per lo sport - Pubblicato il decreto attuativo per il Fondo a ristoro di spese sanitarie e di sanificazione (governo.it)

  1. le nuove linee guida e chiarimenti sul decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172 per l'organizzazione di eventi e competizioni sportive e le linee guida per l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere.

Dipartimento per lo sport - Pubblicazione delle nuove linee guida e chiarimenti sul decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172 (governo.it)

Dipartimento per lo Sport - ulteriori disposizioni volte al contenimento dell’epidemia da COVID-19, in particolare relative all’utilizzo del "green pass rafforzato"

Dipartimento per lo Sport - Presidenza del consiglio dei Ministri

Avviso del 28 novembre 2021

Il decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172, in vigore dal 27 novembre, prevede ulteriori disposizioni volte al contenimento dell’epidemia da COVID-19, in particolare relative all’utilizzo del cd. green pass rafforzato, ovvero la certificazione verde attestante:  

  1. a)  l’avvenuta  vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del  ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo;
  2. b) l’avvenuta guarigione da COVID-19,  con  contestuale cessazione dell'isolamento prescritto in seguito  ad  infezione  da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;

c-bis) l’avvenuta guarigione da COVID-19 dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del prescritto ciclo.  

Il green pass “rafforzato” viene richiesto per attività che sarebbero sospese o limitate in zona gialla o arancione. Si può continuare ad utilizzare il green pass “base” (che include anche il green pass ottenuto a seguito effettuazione di test  antigenico rapido o molecolare, quest'ultimo anche su campione salivare e nel  rispetto dei criteri stabiliti  con  circolare del Ministero della salute, con esito negativo al virus SARS-CoV-2) per lo svolgimento di quelle attività che già, in zona gialla, richiedono il possesso del green pass.

In particolare, per quanto attiene le attività sportive, il decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172 interviene nei seguenti punti:

  • Art. 4, comma 2: l’introduzione della necessità di certificazione verde per l’accesso agli spogliatoi, anche per le attività all’aperto, entra in vigore dal 6 dicembre 2021;
  • Art. 5, comma 2: la possibilità, per i soggetti possessori di green pass rafforzato (certificazione verde di tipo a), b), c-bis)), di svolgere in zona gialla e arancione servizi e attività sospesi ai sensi della normativa vigente nel rispetto della disciplina della zona bianca, entra in vigore dal 29 novembre 2021;
  • Art. 6, comma 1: in zona bianca dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022 la fruizione di attività e servizi per i quali siano previste limitazioni in zona gialla, sarà consentita ai possessori di certificazione verde di tipo a), b) e c-bis).

Pertanto, l’attività motoria e sportiva e le attività connesse, subiscono le seguenti modifiche:

  • In base all’art. 4, comma 2, a partire dal 6 dicembre 2021 sarà necessario il possesso di certificazione verde “base” per poter accedere agli spazi adibiti a spogliatoi e docce, con l’eccezione degli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità. Questi dovranno comunque utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuali;
  • In base all’art. 5, comma 2, a partire dal 29 novembre sarà consentito:
    • in zona gialla
      • presenza di pubblico alle competizioni sportive riservata ai soli possessori di certificazione verde “rafforzata”; le capienze sono aumentate nel rispetto della disciplina della zona bianca (ovvero all’aperto dal 50% al 75%, al chiuso dal 35% al 60%);

    • in zona arancione per i soli possessori di certificazione verde “rafforzata” è prevista:
      • possibilità di organizzare/partecipare ad  eventi e competizioni sportive anche se non rientranti nella definizione dell’art. 18 del DPCM 2 marzo 2021;
      • possibilità di svolgere attività sportiva al chiuso (palestre e piscine), anche di squadra e di contatto;
      • possibilità di svolgere attività sportive;
      • possibilità di utilizzo di spogliatoi e docce.

Sempre in zona arancione: la presenza di pubblico alle competizioni sportive riservata ai soli possessori di certificazione verde “rafforzata”; nel rispetto della disciplina della zona bianca (ovvero all’aperto al 75%, al chiuso al 60%).

In base all’art. 6, comma 1 del decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172, nel periodo tra il 6 dicembre 2021 e il 15 gennaio 2022 la presenza di pubblico alle competizioni sportive sarà limitata ai possessori della certificazione verde “rafforzata”. 

 

  1. Per cosa è richiesta la certificazione verde?

In riferimento alle certificazioni verdi, si rappresenta che a far data dal 6 agosto 2021, è consentito in zona bianca esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cui all'articolo 9, comma 2 del DL 22 aprile 2021, n.52, l'accesso a eventi e competizioni sportivi, di cui all'articolo 5, e l’accesso a servizi e attività di piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all'interno di strutture ricettive, di cui all'articolo 6, limitatamente alle attività al chiuso, nonché spazi adibiti a spogliatoi e docce, con esclusione dell’obbligo di certificazione per gli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità.

L’obbligatorietà della certificazione verde è prevista anche nelle zone gialla, arancione e rossa, laddove i servizi e le attività siano consentiti e alle condizioni previste per le singole zone.

Nelle zone gialla e arancione la fruizione dei servizi e lo svolgimento delle attività, limitati o sospesi ai sensi della normativa vigente, sono consentiti esclusivamente ai soggetti in possesso di una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2, lettere a), b) e c-bis) del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito con modificazioni dalla L. 17 giugno 2021, n. 87, (il cd. super green pass) nonché, alle persone di età inferiore ai dodici anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale, nel rispetto della disciplina della zona bianca.

Inoltre, si rappresenta che dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022, in zona bianca, lo svolgimento delle attività e la fruizione dei servizi per i quali in zona gialla sono previste limitazioni, sono consentiti esclusivamente ai soggetti in possesso delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2, lettere a), b) e c-bis), del decreto-legge n. 52 del 2021, nonché ai soggetti di cui all’articolo 9-bis, comma 3, primo periodo, del predetto decreto-legge n. 52 del 2021, nel rispetto della disciplina della zona bianca. Pertanto, nel periodo tra il 6 dicembre 2021 e il 15 gennaio 2022 la presenza di pubblico alle competizioni sportive sarà limitata ai possessori della certificazione verde “rafforzata”.  

Ai titolari o gestori dei servizi e delle attività spetta la definizione delle misure organizzative per il controllo del possesso delle certificazioni verdi previste dalla norma. Essi potranno pertanto, anche con riferimento ai centri e circoli sportivi ove siano disponibili attività sia al chiuso che all’aperto, individuare le misure idonee ad assicurare la tutela delle persone presenti e a facilitare le operazioni di controllo.

Presentato alla Camera dei Deputati il Progetto FPI "Boxando S'Impara"

Si è svolto quest'oggi a Roma, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, il convegno "Diritti dei Minori e Doveri degli Adulti. Durante il meeting, cui ha preso parte anche il Segretario Generale della FPI Dott. Alberto Tappa, è stato presentato anche "Boxando s'Impara": iniziativa a carattere nazionale, incentrata sul Pugilato Educativo Scolastico, accreditata formalmente al MIUR nell’ambito dei progetti di Sport e Salute e promossa dalla FPI in collaborazione con i Comitati Regionali. I destinatari sono le Scuole Secondarie di II Grado ed agli Istituti Penitenziari. Braccio operativo è la Commissione Progetti Speciali in Ambito Scolastico, formata da professionisti della materia che hanno contribuito a far tornare il pugilato a scuola in 23 istituti scolastici diffusi sul territorio italiano. 

Convegno che ha visto la presenza di: On. Giusy Versace, On. ,Maria Spena, On. Patrizia Marrocco, On. Veronica Giannoe, Luca Massacesi, Pres. Osservatorio Bullismo e Disagio Giovanile, Alberto Tappa, Segretario FPI.

Online il numero 5 - 2021 di BoxeRING

La FPI rende noto che è online il numero 5 - 2021 di BoxeRING "La Rivista Italiana del Pugilato ITALIANO"

CLICCA QUI PER LEGGERLA

SUPER PROMO GUANTONI ADIDAS "DA ALLENAMENTO UFFICIALI FPI" 5 PAIA A 99.99 EURO PROMOZIONE PER TUTTE LE ASD/SSD AFFILIATE ALLA FPI

ADIDASRICHIEDILI SUBITO CLICCANDO QUI!

 PROMOZIONE PER TUTTE LE ASD/SSD AFFILIATE ALLA FPI

UN PASSO ALLA VOLTA, UN PUGNO ALLA VOLTA 
Ogni pugile che si rispetti può contare solo su se stesso....e sui suoi guantoni!Hai tempo fino al 31 dicembre 2021 per acquistare il tuo kit da 5 paia. 

Non lasciarteli scappare!


JUTESPORT X ADIDAS, FORNITORE UFFICIALE FPI DEL MATERIALE TECNICO PUGILISTICO,  E' LIETA DI PRESENTARE QUESTA SUPER PROMOZIONE DEDICATA A TUTTE LE  ASD/SSD AFFILATE FPI. CARATTERISTICHE TECNICHE
GUANTONI ADIDAS SPEED TILT 150
• Pelle sintetica FLX 3.0 di alta qualità
• Imbottitura in schiuma monopezzo preformata per un'ammortizzazione  ottimale dei colpi
• Tecnologia AEROREADY per una regolazione ottimale dell'umidità durante  l'allenamento
• Fodera interna in nylon che garantisce il massimo comfort
• Chiusura in velcro
• Tecnologia TILT che assicura la massima protezione per i tuoi pugni riducendo la possibilità di infortuni

 

TAGLIE DISPONIBILI: 10/12/14/16 OZ

PROMO VALIDA FINO AL 31 DICEMBRE 2021
Senza alcuna limitazione di quantità acquistabili fino a esaurimento scorte


BUDOMARKET FACEBOOK

BUDOMARKET TWITTER 

BUDOMARKET INSTAGRAM

BUDOMARKET SITO UFFICIALE 

 

SPORT GOVERNO: Nuovo avviso per contributi a fondo perduto per ASD e SSD

Al fine di assicurare ulteriori interventi a sostegno all’attività sportiva di base, il Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei ministri mette a disposizione dei contributi a fondo perduto da destinare alle Associazioni e alle Società Sportive Dilettantistiche che, in via generale, non siano state già beneficiarie dei precedenti contributi erogati dal Dipartimento per lo sport nel corso delle procedure di evidenza pubblica nell’anno 2020.

Per le specifiche relative alle ASD e SSD che possono presentare domanda anche in deroga a quanto sopra comunicato, si rimanda a quanto contenuto nell’Avviso.

La presentazione delle istanze avverrà esclusivamente attraverso l’utilizzo della piattaforma web realizzata dal Dipartimento per lo sport  che sarà attiva, come per le precedenti procedure, in base allo svolgimento di due diverse sessioni di partecipazione.

Sessione canoni di locazione e canoni concessori dalle ore 16:00 del giorno 22 novembre 2021 alle ore 16:00 del giorno 30 novembre 2021.

Sessione contributi forfettari dalle ore 16:00 del giorno 1° dicembre 2021 alle ore 16:00 del giorno 10 dicembre 2021

Al termine della procedura telematica di presentazione della domanda sarà necessario scaricare dalla piattaforma la ricevuta elettronica a conferma dell’esito positivo dell’invio della domanda, che dovrà essere conservata con cura per permettere il supporto nella soluzione di eventuali problematiche.

Tutti gli aggiornamenti relativi alle fasi di valutazione e assegnazione dei contributi e tutte le comunicazioni saranno pubblicati esclusivamente in questa sezione del sito istituzionale.

Per l’assistenza tecnica sarà attivo esclusivamente l’indirizzo di posta elettronica ordinaria domande2021@sportgov.it. Al fine di poter effettuare un’assistenza completa, sarà necessario indicare nel corpo della mail il Codice Fiscale/Partita IVA della ASD/SSD per la quale si richiederà assistenza.

Il testo dell’avviso

Il testo del decreto

Comunicato Stampa FPI - Il Pugilato torna a Scuola con Boxando s’impara FPI

Dopo il primo gong lanciato a giugno presso la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli, la Federazione Pugilistica Italiana entra in modo strutturato negli istituti scolastici con il progetto “Boxando s’impara”, iniziativa a carattere nazionale, incentrata sul Pugilato Educativo Scolastico, accreditata formalmente al MIUR nell’ambito dei progetti di Sport e Salute e promossa dalla FPI in collaborazione con i Comitati Regionali. I destinatari sono le Scuole Secondarie di II Grado ed agli Istituti Penitenziari. Braccio operativo è la Commissione Progetti Speciali in Ambito Scolastico, formata da professionisti della materia che hanno contribuito a far tornare il pugilato a scuola in 23 istituti scolastici diffusi sul territorio italiano. 

Due le classi coinvolte per ogni istituto, con una programmazione di dieci ore di lezioni pratiche da svolgere in orario curriculare, con il “kit di allenamento adidas” fornito dalla FPI e tenute da Tecnici Sportivi FPI, nove ore di lezioni teoriche on-line, a cura di docenti in organico FPI ed esperti, incentrate su materie sia tecniche che nutrizionali e sociali, ed una webinar finale di confronto e dialogo con il Campione e Ambassador FPI Roberto Cammarelle. 

Molte e lodevoli sono state le iniziative a carattere territoriale che hanno visto la boxe nelle classi ma era dal 2003, anno in cui il Campionissimo Nino Benvenuti insieme alla FPI, con l’allora Presidente Franco Falcinelli, introdusse in 12 scuole della Provincia di Roma il corso di avviamento al pugilato, che la boxe non entrava in modo continuativo nella scuola. Nel 2005 l’IIS Pacinotti-Archimede di Roma fu il primo istituto in Italia ad inserire un ring all’interno del plesso scolastico grazie all’impegno dei Prof.ri Massimo Bassi, referente per il Liceo Sportivo, e Claudio Germano, e oggi vanta di una palestra di boxe professionale ed a servizio degli studenti curata magistralmente dal Maestro Attilio Volpe. Altro esempio di perfetta integrazione della boxe è il Liceo Pitagora-Croce di Torre Annunziata. 

Sono passati quasi venti anni e oggi la FPI investe nella scuola, garantendo a studenti, docenti e familiari un piano di lavoro totalmente gratuito con attività interdisciplinari focalizzate su tre asset fondamentali per la boxe: la Formazione, il Sociale e la Cultura. Questo l’obiettivo del Presidente FPI Flavio D’Ambrosi sposato in pieno dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Chiara Sicoli in occasione della presentazione di “Boxando s’impara” avvenuta oggi presso la Sala “Club House” dell’IIS Pacinotti-Archimede: “Siamo entusiasti del progetto e fortunati perché il percorso di studi del Liceo Sportivo facilita l’introduzione di percorsi di formazione come quello proposto dalla Federazione. Sia gli studenti che i docenti sono molto motivati ed il ruolo altamente educativo della boxe per noi è da sempre un valore aggiunto. I risultati degli ultimi Giochi Olimpici lo testimoniano: il pugilato è uno sport per tutti”.

Lo confermano i due Ambassador FPI presenti, a cominciare dalla Campionessa Mondiale e atleta della Nazionale Femminile Elite Alessia Mesiano: “Non esiste uno sport maschile o femminile ma uno sport che si adatta alle esigenze delle persone. La boxe, sport che richiedere impegno e sacrificio, può essere praticata anche dalle donne, in assoluta sicurezza e con l’obiettivo di acquisire autostima e benessere psico-fisico nel segno del valore più grande, il rispetto”.

Lo sa bene l’ex allievo dell’IIS Pacinotti-Archimede e Campione Europeo PRO Emanuele Blandamura, da sempre in prima linea nel formare i giovani e contrastare fenomeni dilaganti come il bullismo: “Come Alessia anche io ho iniziato a boxare a diciotto anni e, con tante difficoltà alle spalle, inizialmente l’ho fatto per un senso di rivalsa ma poi ho capito che il pugilato è altro, è impegno fisico e mentale, volontà nel costruire la propria personalità, anche nella sconfitta. Fallire non significa essere un loser ma dire che ci hai provato”.

L’obiettivo principale di “Boxando s’impara” rispecchia, dunque, i valori da sempre perseguiti dal Pugilato Italiano: finalità formativa anche con possibilità di sbocco professionale e finalità di recupero sociale e di reintegrazione. “Conciliare l’aspetto agonistico-sportivo con la scuola è una grande opportunità – sottolinea il Segretario Generale FPI Alberto Tappa - e l’IIS Pacinotti è il classico esempio di buona amministrazione. Abbiamo avviato una progettualità a livello nazionale potendo contare sui Comitati Regionali, su ottimi formatori e mille società sportive affiliate”.

Un’offerta didattica a trecentosessanta gradi valorizzata da un prezioso Team: “E’ importante - dichiara nel suo intervento il Prof. Massimo Scioti, Coordinatore della Commissione Progetti Speciali in Ambito Scolastico - sottolineare il lavoro sinergico di gruppo che ha permesso di avviare questo progetto e di ampliare gli orizzonti di tutti quei ragazzi che potranno conoscere il pugilato come disciplina storica, che esalta il sistema neuromuscolare e che educa alla vita”. Come è descritto nel libro “La boxe nella scuola e sui banchi di scuola” del grande Vincenzo Belfiore, omaggio della FPI a tutti gli istituti.

Oltre al Prof. Scioti, i docenti delle lezioni teoriche sono: il Prof. Zurlo, Consigliere Federale e Coordinatore del Settore Tecnici Sportivi FPI, il Dott. Alessio Franco, nutrizionista delle Nazionali Azzurre, il Dott. Mario Del Verme, Responsabile Italia di Scholas Occurrentes, Fondazione di Papa Francesco, e la Dott.ssa Roberta De Fabritiis, Responsabile delle Relazioni Esterne di Sport Senza Frontiere Onlus.

Irma Testa Ambassador di “Un Sorriso per lo Sport” promosso da Sport Senza Frontiere e Amazon

Irma Testa Ambassador di “Un Sorriso per lo Sport” promosso da Sport Senza Frontiere e Amazon 

Amazon e Sport Senza Frontiere (SSF), Social Partner FPI, si uniscono nella battaglia per garantire l’inclusione sociale di minori in situazioni di disagio. Nasce così “Un Sorriso per lo Sport”, il progetto solidale ed educativo promosso da Sport Senza Frontiere, scelto e sostenuto da Amazon, che ha donato 200 mila euro, e rivolto a 150 bambini di cinque città d’Italia, Roma (60), Milano (40), Napoli (30), Torino (10), Bergamo (10), che vivono in condizioni di grave disagio socio-economico, di età compresa tra i 6 ed i 14 anni, ed alle loro famiglie (300 destinatari). Sport Senza Frontiere è la Onlus che dal 2011 organizza in Italiapercorsi educativo-sportivi gratuiti per bambini in condizioni di difficoltà socio-economiche o psicologiche in varie aree a rischio ed inserisce i ragazzi in programmi sportivi, integrati, personalizzati e svolti regolarmente più volte a settimana, seguendoli anche dal punto di vista psico-sanitario attraverso visite mediche periodiche. Un monitoraggio che vedrà impegnata l’equipe di SSF anche in questa iniziativa, della durata di un anno, che permetterà ai bambini di praticare sport gratuitamente e di seguire l’esempio degli Ambassador del progetto, il pluricampione del mondo Filippo Magnini e le medaglie olimpiche di Tokyo 2020 Vanessa Ferrari e Irma Testa, con un altro nome noto nel mondo dello sport come Carlotta Ferlito, e il food e fitness influencer Davide Campagna. Cinque le azioni che verranno messe in campo: iscrizione a titolo gratuito nei corsi delle Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) per il rafforzamento e lo sviluppo di competenze motorie ed abilità sociali (include quota iscrizione, abbigliamento, attrezzature, merende, trasporto); tutoraggio e monitoraggio; azioni di prevenzione e tutela della salute; attività di contrasto alla povertà educativa e alla dispersione scolastica; azioni di promozione di stili di vita sani e di supporto alla genitorialità. 

“Il contrasto alla povertà educativa e all’emarginazione sociale – dichiara Alessandro Tappa, Presidente di SSF - passa anche attraverso la necessità di garantire l’accesso allo sport come diritto fondamentale del minore a prescindere dalla condizione sociale dalla quale proviene. Il progetto si configura anche come intervento riabilitativo in risposta ai ‘danni collaterali’ causati dall’emergenza Covid-19. Siamo molto soddisfatti di aprire una stagione di collaborazione con Amazon che ci permetterà di raggiungere un numero maggiore di bambini e di utilizzare al meglio lo sport quale potente strumento di inclusione e recupero dalle difficoltà”. Alla campagna solidale si potrà contribuire donando uno dei prodotti della wish-list creata da Sport Senza Frontiere su Amazon.it. Una lista di materiali sportivi che serviranno ai bambini per svolgere le loro attività e che verranno spediti direttamente all’Associazione.  

Segui FPI sui social media

FPI - Federazione Pugilistica Italiana

Viale Tiziano, 70 - 00196 Roma

P. IVA 01383711007

Image
Image