Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

126456919 4773757165998901 3519984139133430575 oPicardi e Conselmo incrociano i guantoni sul ring di Maclodio

Brescia, 23 novembre 2020 – La cintura italiana dei pesi gallo, due quarti di finale del Torneo Cinture Tricolori e quattro entusiasmanti sfide nazionali e internazionali mettono la parola fine al 2020 dell’attività della Boxe Loreni.

In un anno solare condizionato dalla pandemia ma caratterizzato allo stesso tempo da ben sei reunion organizzate in tutta Italia da luglio a oggi, il promoter bresciano Mario Loreni si prepara a 2021 ricco di progetti e tutto da gustare chiamando a raccolta quattordici pugili per un evento che, organizzato in collaborazione con la Federazione Pugilistica Italiana e Art Media Sport, è fissato in agenda a al palazzo dello sport di Maclodio (BS), sabato 5 dicembre a partire dalle 16. La diretta dei match sarà assicurata dal Service Stream Plus su

DIRETTA STREAMING YOUTUBE FPIOFFICIALCHANNEL

 www.GAZZETTA.IT

 

Da Alessandro Manzoni a Vincenzo Picardi, perché in quella Maclodio che nel 1427 fu teatro dello scontro tra il Ducato di Milano e la Serenissima citato ne Il Conte di Carmagnola da parte del grande romanziere, il pugile napoletano è chiamato a difendere il titolo dei pesi gallo conquistato un anno fa dall’attacco del siracusano Gianluca Conselmo, sei vittorie e una sconfitta nella sua carriera da pro, deciso a infliggere il primo dispiacere all’ex olimpionico che, dopo una carriera travolgente da dilettante grazie alle quattro medaglie di bronzo conquistate ai Giochi di Pechino del 2008, ai Mondiali di Chicago dell’anno precedente e agli Europei di Mosca 2010 e Ankara 2011, oltre a cinque titoli italiani assoluti, ha invece impiegato appena due incontri per cogliere il primo hurrà da professionista, con il successo su Antonio Pio Nettuno del dicembre 2019 a Cardito.

Sulle 10 riprese da 3 minuti l’una, questa volta il figlio d’arte Picardi (2-0-0) deve vedersela contro un avversario, di ritorno a un match ufficiale dopo quattordici mesi d’assenza e deciso a strappare la prima vera gioia della sua carriera dopo il tanto di buono ottenuto nei dilettanti

Eppure, il grande protagonista del main-event bresciano doveva essere quel Etinosa Oliha sulla cui crescita confidano le speranze di tutti gli appassionati del pugilato italiano. Laureatosi campione nazionale dei pesi medi pochi giorni prima del lockdown lo scorso febbraio (riconfermato poi lo scorso agosto nella vittoria su Roncon di Port Viro), il boxuer astigiano clase 1998 era stato chiamato a difendere la cintura contro Salvatore Annunziata, ma la scelta da parte dell’esperto campano di chiamarsi fuori dalla contesa e di riflettere se porre fine alla sua carriera ha dunque stravolto i piani di Oliha e della Skull Boxe Canavesana di coach Davide Greguoldo, che, ancora imbattuti e forti di dodici vittorie su dodici di cui cinque per k.o., si congedano da quel che è stato un grande anno da ricordare dividendo il ring sulle sei riprese da tre minuti con l’ex campione youth dei welter, Francesco Lezzi (12-16-2): avversario di livello più di quanto dica il suo record, in virtù di numerose chance di titolo nazionale e avversario in passato di elementi come Ted Cheeseman (affrontato nell’olimpo della York Hall di Bethnal Green) ed Andrew Francilette.

Di grande valore è anche il programma del sottoclou dell’evento al palazzetto di Via Gramsci, dove a scaldare l’attesa per la sfida tra Picardi e Conselmo spiccano gli impegni nel Torneo Cinture Tricolori di Luigi AlfieriGiovanni Rossetti, due interessanti giovani in rampa di lancio che, in attesa delle cinture che contano, cercano il pass per le semifinali del torneo targato FPI.

Entrambi ancora imbattuti, il welter aquilano Alfieri (5-0-0) va a caccia della sesta affermazione contro il lodigiano Edmir Sinanaj (2-0-1); per il tarantino nato a Cuba, Giovanni “Nino” Rossetti, 19 anni e un curriculum nei dilettanti fatto di un titolo junior nel 2016, un terzo posto ai campionati nazionali youth e un titolo senior nel 2019, la strada per la consacrazione definitiva “tra i grandi” prosegue nella sfida contro il romagnolo Alexandru Ciupitu (1-0-0).

Completano il programma l’incontro dei pesi super medi tra il bresciano Grigore Cernean (1-2-0) e Andrea Aroni (2-1), la sfida tra i gallo Pablo Narvaez (9-20-7) e l’ex pluricampione dilettante e medaglia di bronzo agli Europei under 22 Christian Zara (5-0-0) e l’incrocio tra il giovanissimo Yassin Hermi (4-0-0), appena 18 anni e già quattro match da pro per il prodotto dell’Accademia Pugilistica Fiorentina del maestro Alessandro Boncinelli, chiamato a fare rodaggio contro il “journey-man” Giuseppe Rauseo (2-56-4). L’irpino, ventidue anni più grande e da poco superata la soglia dei 62 incontri in carriera, metterà a disposizione la sua grande esperienza per svezzare il giovane fiorentino di padre tunisino, medaglia di argento ai Campionati Europei junior under 16 del 2018.

Ricco il programma del sottoclou:

Medi Oliha Etinosa vs Lezzi

Medi Giovanni Rossetti vs Alexandru Ciupitu (1-0) – QUARTI TROFEO CINTURE FPI 2020

Gallo Cristian Zara vs Narvaez

Superwelter Hermi vs Rauseo

Superwelter Luigi Alfieri vs Sinanaj

Supermedi Aroni vs Cernean