Lente di ingrandimento

L'ATTUALE DISCIPLINA CHE REGOLAMENTA I RAPPORTI TRA SOCIETA' E GRUPPI SPORTIVI.

Per evitare che si sparga il solito veleno – mistificando la realtà dei fatti - è necessario ribadire i criteri con cui la Federazione ha costruito il vigente quadro regolamentare che disciplina i rapporti e la produttiva sinergia tra le Società affiliate ed i Gruppi Sportivi dello Stato.
Sulla scorta di indicazione e sollecitazioni - provenienti soprattutto dal territorio campano - il Consiglio federale ha infatti deliberato, nel 2018, un corpus normativo – finalizzato ad evitare sforamenti nelle competenze dei due citati sodalizi sportivi (Società e Gruppi Sportivi) nonché a rispettare e supportare il lavoro certosino delle società – che si basa sui seguenti criteri:
1) l’arruolamento di un atleta nei Gruppi Sportivi dello Stato comporta l’attribuzione del punteggio ed i connessi benefici economici – derivanti dall’attività dello stesso atleta - alla società di provenienza. Questo per tutto il tempo in cui l’atleta svolgerà l’attività pugilistica, con evidenti vantaggi per le società di provenienza che si vedono attribuire consistenti benefici economici derivanti da vittorie conseguite dal pugile a livello nazionale ed internazionale;
2) le Sezioni giovanili dei Gruppi Sportivi possono essere presenti sul territorio con delle limitazioni. In particolare, non può essere istituita più di una Sezione giovanile per ogni provincia, ferme restando quelle già esistenti al momento in cui è entrato in vigore il nuovo regolamento;
3) le Sezioni giovanili dei Gruppi Sportivi possono tesserate atleti agonisti fino all’età di 22 anni. Dopo tale età i pugili dovranno – qualora vogliano continuare l’attività pugilistica - tesserarsi con una Società affiliata. Questo per incentivare i Gruppi Sportivi ad esercitare principalmente - attraverso le Sezioni giovanili - una funzionale sociale e di recupero, soprattutto verso i più giovani, e non di competizione con le Società;
4) gli atleti dei Gruppi Sportivi – anche quelli delle qualifiche schoolboys, junior e youth – non partecipano alle fasi regionali dei Campionati Italiani riservate esclusivamente ai pugili delle società affiliate. Gli atleti dei Gruppi Sportivi accedono, dopo una selezione svolta tra Gruppi Sportivi, alle fasi finali dei Campionati Italiani, presentando un solo atleta per categoria di peso;
5) l’arruolamento nei Gruppi Sportivi è riservato unicamente agli atleti di interesse nazionale ovvero di altissimo livello. Sono atleti di interesse nazionale quelli che hanno partecipato a competizioni internazionali (Campionati Europei, Mondiali, Giochi del Mediterraneo ed Giochi Olimpici), nei precedenti dodici mesi dalla data di emanazione del bando di arruolamento. Tale norma evita un arruolamento di massa che andrebbe ad incidere sui vivai delle società affiliate;
6) le Sezioni giovanili dei Gruppi Sportivi non possono tesserare atleti già tesserati con società civili qualora quest’ultime non concedano il nulla osta. Tale norma evita il trasferimento di giovani atleti da società civili ai Gruppi Sportivi. Senza il consenso delle società civili, il pugile non potrà mai – neanche dopo i 6 mesi di inattività (come prevede invece lo Statuto per le Società civili) e neanche dopo i 4 anni - trasferirsi presso una Sezione giovanili di un Gruppo Sportivo. Tale norma ha introdotto un forte e significativo limite di tesseramento per i Gruppi Sportivi – quasi al limite dell’incostituzionalità - a vantaggio delle Società affiliate. Nel contempo, ha voluto andare incontro a quei Presidenti e/o tecnici che – volendo concedere il nulla osta al trasferimento dell’atleta presso i Gruppi Sportivi - non capivano perché la Federazione lo impedisse!! Quindi, nell’ultimo Consiglio Federale si è deciso di intervenire solo su questo punto e non su altro!!!
A completezza del quadro informativo e per far capire a tutti quanto sia strumentale la sollevazione di inutili polemiche su tale argomento, vi riporto i dati sui trasferimenti di pugili da una società ad un Gruppo Sportivo, nei precedenti 5 anni prima che entrasse la riforma regolamentare (dal 2013 al 2018) e dopo che è entrata in vigore tale riforma (2019):
pugili transitati da una società ad una Sezione giovanile di un Gruppo Sportivo – dal 2013 al 2018 - n. 9 . Tale transito – che ha riguardato solo la Regione Campania – rappresentava soltanto l’1,2% degli atleti agonisti presenti in Campania in quel periodo e lo 0,8% di tutti gli atleti che erano presenti nello stesso periodo e nella stessa Regione.
Pugili transitati, in tutta Italia, da una società ad una Sezione giovanile di un Gruppo Sportivo – dopo la riforma regolamentare – “0“. Si avete letto bene: 0
Si, un fenomeno di migrazione veramente preoccupante per il pugilato italiano e per le stesse società!!!!
Noi non abbiamo tempo da perdere con inutili chiacchiere…lavoriamo per il bene del movimento pugilistico italiano.
IL V. PRESIDENTE VICARIO F.P.I.
Dott. Flavio D’Ambrosi

Resoconto Consiglio federale FPI: ROMA 13 luglio 2019

Nella giornata odierna si è svolto il Consiglio federale nell'ambito del quale sono state approvate anche importanti provvedimenti a favore delle società e a sostegno dell'attività pugilistica.

Peraltro, il Presidente Vittorio Lai si è congratulato, all'apertura dei lavori, per l'ottima riuscita dell'evento pugilistico, organizzato dalla Opi 82, al Foro Italico di Roma di giovedì 11 luglio u.s supporto della Federazione e di Artmediasport. Un evento espressione dell'ottimo momento che sta vivendo il pugilato Pro, testimoniato anche dalle numerose richieste di passaggio all'attivitá professionistica -  da parte di giovani atleti AOB ( ben 187 dal 2017 ad oggi) - proprio in relazione al nuovo e seducente magnetismo che tale movimento suscita nei pugili.
Il Presidente ha voluto rimarcare anche gli ottimi risultati che stanno ottenendo le Rappresentative Azzurre. Da ultimo i risultati dei Campionanti Europei e dei Giochi Europei di Misk ove la Nazionale ha ottenuto, tra uomini e donne, ben 5 medaglie (2 Argenti e 3 Bronzi).

Nell'ambito del Consiglio è stato anche ascoltato il rappresentante della società Artmediasport, Gia Marco Sandri, che ha ribadito le rosee prospettive del pugilato Pro che è tornato, negli ultimi mesi, sulle maggiori emittenti televisive.  In tale contesto, Sandri ha proposto, altresí, l'avvio di una partnership con la piattaforma Tv di streaming web DAZN che prevede un investimento di euro 10.000,00 della Federazione per l'erogazione gratuita di abbonamenti alle società sportive.

In particolare, la FPI acquisterà un pacchetto di abbonamenti - con validità di 4 mesi, a partire dal mese di settembre p.v. - e li distribuirà gratuitamente alle società per seguire i più importanti match pugilistici mondiali, altri eventi sportivi e contenuti speciali che DAZN trasmetterà fino alla fine del 2019. Questo aumenterà gli ascolti e quindi il peso degli utenti e degli appassionati italiani che si tradurrà, probabilmente, in un avvicinamento anche delle altre emittenti televisive.
Sempre nell'ottica di sostenere l'attività Pro, la Federazione ha espresso l'intenzione di stanziare un importo, per il 2020, per comprimere i costi organizzativi con particolare riferimento a quelli relativi al service per luci. Tale importo sarà determinato in considerazione di una indagine di mercato tesa ad individuare il miglior service per l'illuminazione. 
Nel proseguire i lavori, il Consiglio federale ha deliberato diversi provvedimenti tra cui meritano particolari menzioni:
1) la copertura dei costi, a partire del 2020, per la trasmissione via streaming dei Titoli italiani che non venissero trasmessi su emittenti televisive;
2) l'acquisto di 1.000 abbonamenti, che coprono il periodo settembre dicembre 2019, a DAZN da distribuire gratuitamente alle società;
3) la continuazione dello studio di fattibilità,  da parte della apposita commissione, per l'apertura dell'attività pugilistica ad alcune categorie di disabili;
4) il progetto "sparring-io" che incentiva l'attività giovanile, nella fascia d'età dai 10 ai 12 anni, e persegue l'obiettivo di favorire un modello di gara il più possibile vicino al match pugilistico. Il progetto prevede, infatti, un'attività di opposizione ovvero un match senza contatto con l'introduzione di apposite categorie di peso e con la partecipazione di giudici arbitri;
5) i premi che andranno ai tecnici ed alle società per le vittorie ottenute dagli atleti delle Squadre Azzurre in campo internazionale;
6) il mandato alla commissione tecnica nazionale per l'istituzione, dal 2020, dei campionati italiani femminili per le categorie schoolgirl, junior e youth;
7) l'intenzione di eliminare, dal 2020, le tasse sull'organizzazione delle riunioni ordinarie e miste AOB/Pro. Alla fine dell'anno dovranno essere stanziati circa 55.000,00 euro - da rinvenire nel bilancio preventivo 2020 - per eliminare tali tasse;
8) riconosciute delle benemerenze a Tecnici di varie regioni;
9) equiparazione al maestro di primo livello dei maestri 1 - 2 stelle Aiba ed equiparazione del maestro di secondo livello ai maestri 3 stelle Aiba;
10) approvazione dei corsi di aggiornamento da somministrare con modalità e-learning. Modalità che permette di adempiere agli obblighi formativi in maniera più agevole soprattutto nelle regioni distanti dalle sedi dei Comitati e Delegazioni regionali. Le specifiche modalità dei suddetti corsi, che partiranno in via sperimentale, saranno definite dalla commissione competente.
Il V. Presidente Vicario
Dott. Flavio D'Ambrosi

Incontro Vertici FPI con i Presidenti dei Comitati Regionali - il Punto del VicePres. D'Ambrosi

UN MOVIMENTO ED UNA FEDERAZIONE PIENI DI ENERGIE POSITIVE.
In occasione del "Guanto d'oro" femminile - ospitato quest'anno a Celano - i vertici della Federazione hanno incontrato i Presidenti dei Comitati regionali. In apertura, il Presidente Lai ha evidenziato gli ottimi risultati delle nostre Rappresentative Azzurre che, peraltro, hanno subito - in alcuni evidenti casi - dei torti arbitrali senza i quali l'Italia sarebbe stata probabilmente la prima nel medagliere della manifestazione continentale appena conclusa. 
Nell'occasione è stata ribadita l'importanza delle citate strutture territoriali che sono preziosissimi punti di riferimento delle società e fondamentali strumenti di coordinamento ed attuazione delle politiche e delle direttive federali. 
Per tali motivi, il Consiglio federale ha stanziato, dal 2017 ad oggi, circa 750.000,00 per il funzionamento di tali strutture a cui si aggiungono oltre 440.000,00 di utili provenienti dai corsi di formazione/aggiornamento regionali. Utili che i Comitati regionali hanno sapientemente erogato alle società sotto forma di contributo, realizzando una straordinaria forma di supporto all'attività pugilistica territoriale. 
Durante l'incontro, è stato anticipato ai Presidenti di Comitato il provvedimento - che sarà sottoposto all'approvazione del prossimo Consiglio federale - finalizzato a comprimere i costi delle società organizzatrici. Ciò al fine di sostenere le società e l'attività pugilistica territoriale. Il Segretario generale, Dott. Alberto Tappa, ha comunicato le novità introdotte nelle Statuto federale con particolare riferimento alle norme relative alle Assemblee elettive. 
Nel pomeriggio, il V. Presidente Enrico Apa ha presieduto un interessante riunione - sempre con i Presidenti di Comitato e i referenti regionali dei CdR - relativa alla regolamentazione ed allo status dei commissari di riunione. Tale settore sarà, a breve, oggetto di una riforma che lo renderà più idoneo rispetto alle esigenze e alle nuove norme concernenti gli eventi pugilistici.
Nel corso della giornata ė stato programmato, altresì, un aggiornamento con i tecnici partecipanti al Guanto d'oro e per quelli abruzzesi. Nel corso dell'incontro, lo scrivente - insieme al Rappresentante dei tecnici in Consiglio federale, Maestro Biagio Zurlo - ha illustrato e chiarito la filosofia di fondo ovvero la ratio della nuova regolamentazione del settore tecnici sportivi.
Dopo aver lodato i tanti tecnici italiani - che rappresentano per il movimento pugilistico di questo Paese, un patrimonio inestimabile - il sottoscritto ha evidenziato i quattro criteri che hanno guidato la revisione normativa della progressione di carriera dei tecnici che oggi è allineata ai 4 livelli del Sistema Nazionale delle Qualifiche dei Tecnici Sportivi (SNaQ) del Coni.
Per sgomberare il campo dagli equivoci - sorti in funzione di un travisamento della realtà sublimato da qualche burlone dei social che non aiuta a far capire l'importanza di tale riforma e dell'operato della Commissione dei tecnici sportivi - ricordiamo che la riforma si basa:
1) sulla valorizzazione della professionalità e dell'esperienza (la maturazione di anni di tesseramento ovvero insegnamento nelle palestre unito ai risultati, sono imprescindibili per la progressione di carriera);
2) la suddivisione delle mansioni e delle competenze tra le varie qualifiche (una qualifica inferiore non può svolgere le mansioni della qualifica superiore);
3) implementazione degli step formativi per l'acquisizione delle qualifiche superiori;
4) fidelizzazione degli appartenenti al settore tecnici sportivi, derivante da un maggior periodo di tesseramento necessario alla progressione di carriera ed allo svolgimento delle mansioni superiori.
I tecnici presenti hanno pienamente condiviso i principi fondamentali che sorreggono la riforma ed hanno anche suggerito degli eventuali correttivi che potrebbero trovare applicazione attraverso dei mirati emendamenti approvati dal Consiglio federale. 
Insomma, la riforma sta trovando piena adesione da parte dei tecnici di tutta Italia che comprendono quanto siano strumentali certe critiche senza costrutto.
Il movimento pugilistico ha bisogno di positività e luce non di fosche previsioni dettate dai soliti, tristi volatili. 
In conclusione voglio ringraziare la Commissione tecnico nazionale - capitanata dal Consigliere Sergio Rosa, presente all'incontro - la società abruzzese organizzatrice dell'evento, il Comitato Regionale Abruzzo e Molise ed i dipendenti della Federazione che hanno permesso, ancora una volta, il successo della manifestazione Guanto d'oro. 
Il Vice Presidente Vicario
Dott. Flavio D'Ambrosi 

IL RINASCIMENTO DEL MOVIMENTO PUGILISTICO ITALIANO - Il Punto del Vice Pres. D'Ambrosi nel Post Giochi Europei 2019

IL RINASCIMENTO DEL MOVIMENTO PUGILISTICO ITALIANO

I dati lo dicono chiaramente: il pugilato italiano sta vivendo un intenso periodo di crescita. Il duro lavoro delle società e la creatività dei tecnici sportivi stanno fornendo una spinta propulsiva all'intero movimento, che non ha precedenti negli ultimi 20 anni.
I dati sono inconfutabili e ci dicono che negli ultimi 3 anni si è registrato un significativo aumento delle società affiliate e dei tesserati (circa il 15% in più rispetto al 2016) accompagnato da un rigoglioso incremento dell’attività pugilistica (solo nel 2018 si sono svolte oltre 1.200 riunioni pugilistiche).
In forte crescita anche il settore giovanile che ha prodotto - negli ultimi due anni - ben 137 pugili agonisti. L’attività pugilistica giovanile è in piena fase di espansione – la recente “Coppa Italia” ha visto gareggiare circa 150 giovani atleti - e questo è assolutamente proficuo per l’attuazione della politica di ricerca del talento.
Da tale ritratto agiografico non è esente il pugilato Pro che - tornato sulle grandi emittenti televisive compresa la Rai - attrae ed affascina nuovamente i giovani che scelgono, come nel lontano passato, la strada del professionismo. 
A testimonianza di quanto detto, è utile sottolineare che  - negli ultimi 2 anni - si è registrata una vera e propria impennata di richieste di passaggio al circuito Pro (ben 187 giovani pugili Aob). Giovani pugili che stanno guadagnando la ribalta del palcoscenico nazionale e ci auguriamo, in futuro, anche di quello internazionale.
La crescita del movimento Pro è espressa anche dalla significativa partecipazione di atleti al “Torneo delle Cinture” (oltre 80 pugili tra l’edizione precedente e quella di questo anno) sul quale la FPI ha investito, negli ultimi due anni, circa 90.000,00 Euro.
Relativamente all’attività amatoriale, la Federazione è finalmente riuscita a creare le giuste sinergie per realizzare eventi promozionali di livello nazionale. Il Lido di Fermo ha ospitato il Campionato Nazionale amatori a cui hanno partecipato ben 170 atleti provenienti da tutta Italia. Un vero e proprio successo anche grazie alla società organizzatrice. 
La Nazionale Azzurra? All’inizio del quadriennio qualcuno adombrava delle perplessità sulla forza e la capacità della Federazione di gestire al meglio le Rappresentative Azzurre. Tale perplessità erano legate anche alla mancanza di risultati nei precedenti Giochi Olimpici di Rio 2016.
Peraltro, anche qui i risultati non si sono fatti attendere. Dall'inizio del quadriennio, le Rappresentative Azzurre hanno ricominciato a primeggiare a livello internazionale.
Ben 23 le medaglie conquistate nel 2018 – ai Campionati Europei di categoria (schoolboys, junior e youth) - a cui si aggiungono le 6 medaglie conquistate ai recenti Campionati Europei junior.
A tali successi si aggiungono, le 21 medaglie conquistate nel 2018 dalla Nazionale Azzurra Elite (maschile e femminile) ai Campionati Europei ed ai Giochi del Mediterraneo.
Successi impreziositi dalle medaglie - ben 5 medaglie (2 Argenti e 3 Bronzi) - ottenute ai Giochi Europei di Misk che hanno certificato l’ottimo stato di salute delle Rappresentative Azzurre – femminile e maschile – gestite in maniera encomiabile dagli staff tecnici.
Insomma, un vero e proprio “rinascimento del movimento pugilistico italiano” a cui stanno contribuendo i nostri tecnici e gli ingenti investimenti federali nell’attività sportiva – che hanno superato, nel biennio 2017/2018, i 6.000.000,00 di Euro - coordinati con la politica di ricerca del talento attuata, con la massima scrupolosità e professionalità, dal Presidente Lai e dal suo Team di consiglieri federali.
Investimenti che saranno arricchiti, già dal prossimo Consiglio federale, da un’importante iniziativa che ridurrà i costi a carico delle società.
I trespoli sono finiti e per quei pochi che ancora aleggiano suoi campi elisi, una preghiera: siate meno epicurei e più stoici.
IL VICE PRESIDENTE VICARIO
Dott. Flavio D’Ambrosi

Incontro tra le società del CR Veneto e il VicePres FPI D'Ambrosi

Le giovani società del Veneto tutte compatte con la Federazione. 

Continua la visita dei Comitati regionali da parte dello scrivente. Questa é stata la volta del Comitato regionale Veneto - che racchiude un movimento pugilistico in continua ascesa - e per l'occasione il sottoscritto è stato accompagnato dal Consigliere federale Fabrizio Baldantoni e dal Segretariato generale Dott. Alberto Tappa.
Come al solito, tanto il calore e l'affetto manifestati dalle società e dai tecnici, presenti all'incontro, che hanno colto l'occasione per conoscere i molteplici provvedimenti, adottati dalla Federazione, a favore del movimento pugilistico italiano. 
Finalmente, le società hanno potuto constatatare - in virtú dei dati inconfutabili, mostrati e spiegati dal sottoscritto - il pregevole lavoro, coronato anche dai successi internazionali dei nostri atleti Azzurri, che tutto il movimento pugilistico sta portando avanti da qualche anno.
Un lavoro certosino e quotidiano - delle tante società affiliate e dei tecnici - coordinato e supportato dal Presidente Vittorio Lai e dal suo team all'interno del consiglio federale. 
Nella relazione appositamente redatta per l'occasione,  accompagnata anche da slide illustrative, il sottoscritto ha evidenziato analiticamente la filosofia che sta guidando l'adozione dei provvedimenti ed i positivi risultati raggiunti.
Le società presenti hanno espresso un vivo apprezzamento verso l'attuale governance federale ed in particolare verso il concreto sostegno ai sodalizi sportivi fornito attraverso i visibili investimenti testimoniati dai bilanci federali pubblicati sul sito federale e quindi non smentibili dalle chiacchiere dei soliti, ormai sparuti, bastion contrari!
Anche le societá venete hanno accolto con piacere la volontà federale di produrre un concreto sviluppo qualitativo del pugilato italiano attraverso l'individuazione e la crescita di nuovi talenti. 
In tal senso, è stato ribadito - come già fatto nei precedenti Comitati regionali visitati dal sottoscritto - che la ricerca del talento passa ineluttabilmente attraverso i tecnici e le societa affiliate: unica, vera spina dorsale dell'intero movimento.
Per certificare l'attivitá fin qui svolta dal Presidente e dal Consiglio federale,  sono stati illustrati e commentati i dati del bilancio consuntivo 2018 da cui emergono inconfutabilmente, come sopra detto, gli ingenti investimenti effettuati per implementare il sostegno alle società affiliate e l'attività pugilistica, ordinaria e nazionale, Aob e Pro. 
Lo scrivente ha fatto presente che al prossimo Consiglio federale verranno adottati ulteriori, importanti sostegni alle società e all'attività pugilistica nazionale. 
Le società hanno chiesto di poter ripristinare il tesseramento degli amatori con la formula dei 365 giorni che da la possibilità di tesserare dal mese di settembre, mese in cui inizia l'attività delle palestre. Stante l'impossibilità di attuare tale ripristino, contrario ai principi fondamentali statutari e a quelli dettati dal Coni, il sottoscritto ha invitato il componente della commissione amatoriale, Massimiliano Sarti, a presentare delle proposte al Consiglio federale per ammortizzare almeno i costi dei tesseramenti amatoriali.
Le società hanno chiesto anche di valorizzare l'attività giovanile poiché la stessa è assolutamente propedeutica alla ricerca del talento.
In ultimo, chi scrive ha voluto ancora una volta evidenziare i benefici della riforma concernente il settore dei tecnici sportivi. Riforma che valorizza l'esperienza e la professionalità dei nostri tecnici la cui progressione di carriera non è più ancorata alla discrezionale distribuzione di qualifiche - soprattutto quella di maestro  - che negli anni passati ha suscitato diversi malumori tra gli stessi tecnici. Adesso i passaggi di qualifica sono ancorati, in maniera chiara ed oggettiva, all'anzianitá di insegnamento (quindi all'esperienza) e all'effettuazione di step formativi ovvero corsi di diverso livello.
La riforma ha avuto anche il merito di aver differenziato le mansioni tra le varie qualifiche - le qualifiche inferiori svolgono compiti diversi ed inferiori rispetto alle qualifiche superiori  -  risolvendo una criticità che appiattiva la categoria dei tecnici. Pensate che prima della riforma l'aspirante tecnico svolgeva le stesse mansioni del maestro!!
La stessa riforma ha previsto, in aggiunta, l'elenco dei formatori composto da tutti coloro che - per titoli acquisiti nel corso della loro carriera sportiva - sono abilitati alla docenza nei corsi di formazione/aggiornamento organizzati sotto l'egida federale. 
Prima di concludere, voglio ringraziare il Presidente del Comitato regionale Veneto, i componenti dello stesso Comitato e le splendide società venete.
Adesso incrociamo le dita per i nostri Azzurri impegnati ai Giochi europei di Minsk, sperando che i gufi attenuino i loro influssi!
Il Vice Presidente Vicario 
Dott. Flavio D'Ambrosi

Incontro tra le società del CR Lazio e il VicePres FPI D'Ambrosi

IL MOVIMENTO PUGILISTICO LAZIALE UNO STRAORDINARIO MODELLO DA IMITARE.

Nella giornata odierna, si è svolto il programmato incontro tra lo scrivente e le società pugilistiche laziali. Incontro fissato dal Comitato regionale Lazio - che ringrazio per l’impegno profuso nell’organizzazione dell’evento - ed arricchito dalle premiazioni di atleti e società che si sono distinti per l'attività svolta nel 2018.

Come le societá dei tanti Comitati regionali visitati dal sottoscritto, le società laziali hanno aderito in massa all’incontro, mostrando interesse e vivo apprezzamento per i lusinghieri risultati ottenuti – in questi ultimi due anni - dalla Federazione e verso i tanti provvedimenti emanati a sostegno del movimento pugilistico nazionale.

Nel corso della riunione sono stati anche illustrati i dati relativi alle attività ed ai risultati del movimento pugilistico laziale. Attività e risultati straordinari legati ad un modello gestionale – attuato, ormai da oltre 15 anni, dal locale Comitato regionale - che ha condotto il Lazio ad essere elemento trainante dell’intero movimento pugilistico nazionale.

I dati del 2018 ci dicono che il Lazio ha affiliato ben 160 società (circa il 18 % del totale società affiliate alla F.P.I.), tesserato 6991 persone fisiche tra pugili, arbitri, dirigenti e tecnici sportivi. Le società laziali hanno avuto altresì la capacità di organizzare ben 178 eventi pugilistici di cui 50 Pro.

A tale mastodontica attività è corrisposto anche un numero rilevante di titoli nazionali. Negli ultimi due anni, 2017-2018, gli atleti laziali hanno ottenuto ben 26 Titoli (tra Campionati Italiani, di categoria ed assoluti, e Guanto d’Oro maschile e femminile) e 23 medaglie d’Argento nelle medesime competizioni nazionali

Negli stessi anni (2017-2018) il Comitato regionale Lazio ha potuto distribuire alle società laziali – in virtù delle disposizioni emanate in tal senso dalla Federazione – oltre 82.000,00 Euro provenienti dagli introiti dei corsi di formazione ovvero di aggiornamento. Come ho già spiegato in altri Comitati, le società affiliate stanno fruendo della possibilità di utilizzare, attraverso i Comitati regionali, degli introiti dei corsi di formazione e aggiornamento regionali. Solo nel 2018, tutti i Comitati regionali hanno distribuito alle società affiliate, sotto forma di contributi, circa 180.000,00 euro. Una vera e propria forma di concreto sostegno all’attività delle palestre.

Le società laziali hanno accolto con estremo favore la filosofia che sta guidando la Federazione ed il suo Presidente, Vittorio Lai, incentrata sulla ricerca del talento attraverso le capacità, la quotidiana passione e la professionalità dei tecnici e delle società.

Per tale motivo, la Federazione ha investito – negli ultimi due anni – oltre due milioni di euro per garantire un’adeguata attività nazionale e regionale – totalmente gratuita per gli atleti ed i tecnici – accompagnata da contributi, erogati alle società ed ai tesserati, connessi con l’attività ed i risultati raggiunti.

Dopo l’ondata di affetto ricevuta dalle società laziali, il sottoscritto si recherà, continuando il suo tour presso i Comitati regionali, in Veneto dove il 18 giugno incontrerò le società di quel territorio.

IL V. PRESIDENTE VICARIO

Dott. Flavio D’Ambrosi

La FPI Incontra i COMITATI: Il vice Pres FPI D'Ambrosi in Piemonte

Il movimento pugilistico piemontese è ottima forma.

Cordialità, affetto ed entusiasmo. Così le società pugilistiche piemontesi hanno accolto la mia visita presso il locale Comitato regionale. In presenza del Presidente del Comitato, Prof. Gianni di Leo, del componente delle Commissioni nazionali (giovanile e dei tecnici sportivi), dott. Domenico Virton, e degli altri componenti del Comitato, le società hanno mostrato una viva partecipazione ed un estremo interesse verso le tematiche oggetto del confronto.
Nella relazione appositamente redatta per l'occasione, accompagnata anche da slide illustrative, il sottoscritto ha evidenziato le politiche ed i provvedimenti adottati, fino ad oggi, dal Presidente e dal Consiglio federale a sostegno dell'intero movimento pugilistico italiano.
Le società presenti hanno espresso consenso verso tali provvedimenti ed i significativi risultati raggiunti dalla Federazione in questi ultimi due anni. Nel contempo, hanno manifestato vivo apprezzamento verso la nuova politica federale tesa a sostenere i sodalizi sportivi attraverso concreti e visibili investimenti.
Parimenti, è stata accolta con piacere la volontà federale di produrre un concreto sviluppo qualitativo del pugilato italiano attraverso l'individuazione e la crescita di nuovi talenti. 
In tal senso, è stato ribadito - come già fatto nei precedenti Comitati regionali visitati dal sottoscritto - che la ricerca del talento passa ineluttabilmente attraverso i tecnici e le societa affiliate: unica, vera spina dorsale dell'intero movimento.
Chi scrive ha illustrato anche i dati del bilancio consuntivo 2018 da cui emergono chiaramente ed inconfutabilmente gli ingenti investimenti - effettuati per implementare il sostegno alle società affiliate e l'attività pugilistica, ordinaria e nazionale, Aob e Pro - che tradotti in cifre sono pari a Euro 3.000.000,00 circa.
In tal senso, non va dimenticato che nel biennio 2017/2018, la FPI è riuscita a coprire - in virtù di uno stanziamento di circa 1.000.000,00 di Euro - tutti i costi inerenti la partecipazione dei nostri atleti agli eventi pugilistici nazionali, permettendo così la gratuità di vitto, alloggio e viaggio.
I dati contabili estrapolati dal bilancio e spiegati alle società, stanno dimostrando la bontà dell'attuale gestione federale e, allo stesso tempo, smentiscono chi - senza un solido background nella gestione di una struttura complessa come quella federale - parla di miracolose pozioni da somministrare (in sostituzione degli attuali analgesici!) all'asfittico pugilato che, in realtà, sta dimostrando invece una buona vitalità e competitività a livello internazionale.
Peccato che non si faccia mai menzione del "mecenate" che fornirebbe le nuove risorse, necessarie all'attuazione di tali pozioni, visto che quelle attuali sono impegnate nella quasi totalità - come dimostrano inequivocabilmente i bilanci federali - nella promozione e sviluppo dell'attività pugilistica Aob e Pro mentre la restante, minore parte nel funzionamento degli organi federali, centrali e periferici, tra cui i Comitati regionali.

Noi aspettiamo con fiducia l'avvistamento degli ufo....che ci portino il "mecenate"!
Tornando all'incontro, le società piemontesi hanno espresso l'esigenza di comprimere i costi per i servizi medici, che in molti casi rendono difficoltosa l'organizzazione di eventi pugilistici. Al riguardo, è stato suggerito di ricorrere a fondi integrativi sanitari ovvero ad un apposito stanziamento in bilancio, che possa essere utilizzato per comprimere, sotto forma di contributi, le spese sanitarie connesse all'organizzazione di eventi pugilistici. 
Nell'ottica di implementare la partecipazione al torneo elite II maschile, le società hanno chiesto altresì di abolire le quote di iscrizione versate per gli atleti che si qualificano per la fase nazionale della competizione in argomento. In tal senso, è stato evidenziato dallo scrivente che nel torneo Elite II del 2018, ex senior, sono stati spesi dalla Federazione quasi 49.000,00 e solo 7.840,00 sono stati versati, sotto forma di iscrizione, dalle società partecipanti (quindi un mero 13% della spesa totale). Tuttavia, lo scrivente si è impegnato a portare in Consiglio federale, l'istanza avanzata.
ln virtù dell'incontro con le societá locali, ho potuto verificare la splendida realtà del movimento pugilistico piemontese e di apprezzare l'egregio lavoro svolto dal Comitato regionale e dal suo attuale Presidente ed amico Gianni Di Leo. Presidente con il quale ho condiviso - diversi anni fa, quando ho ricoperto la carica di Presidente del Comitato Regionale Lazio - le battaglie a favore del territorio ovvero delle tante società e dei tanti tesserati che sono la vera anima del movimento pugilistico italiano. Battaglie che continuerò a sostenere senza i minimi tentennamenti. 
Il Vice Presidente Vicario 
Dott. Flavio D'Ambrosi

IL PUNTO DEL VICE PRES. D'AMBROSI: La complessa gestione di una Federazione Sportiva Nazionale. Prima gli uomini e poi i programmi.

Mi capita spesso di imbattermi - soprattutto sui social - in suggerimenti, idee e proposte, più o meno realizzabili, con cui si vogliono risollevare le sorti del movimento pugilistico italiano, garantendogli un futuro roseo, risorse abbondanti, nuovi campioni ed esaltanti eventi pugilistici.
Il tutto perché si continua a percepire - sbagliando a mio modesto parere - una crisi radicale del pugilato Italiano. Modo di pensare che instilla, irragionevolmente, negatività nel vasto popolo di appassionati ed addetti ai lavori.
A fronte di siffatto pessimismo, potremmo sicuramente rispondere che negli ultimi dieci anni il pugilato italiano ha dimostrato - grazie allo spessore qualitativo delle nostre società e tecnico dei nostri maestri - di essere sicuramente competitivo, da qualche anno anche con le donne, a livello internazionale. 
Poi potremmo citare nel dettaglio i numerosi provvedimenti presi, in questi ultimi anni, a favore dell'intero movimento pugilistico italiano, sia esso Pro che Aob, e del nuovo forte interessamento,  suscitato dalla ritrovata vitalità dello stesso movimento, che nutrono le maggiori emittenti televisive nei confronti della nobile arte italiana. 
Come testimoniano i bilanci consuntivi 2017 e 2018, la Federazione ha investito, nell'ultimo biennio, oltre 6.000.000,00 di Euro per l'attività delle Rappresentative Azzurre, per l'attività pugilistica Pro ed Aob (nazionale ed ordinaria), per il funzionamento dei Comitati regionali e per i supporti forniti alle società affiliate in termini di servizi arbitrali, premi medaglia, contributi ed indennità per la partecipazione ai vari eventi nazionali che la Federazione riesce ancora a far fruire gratuitamente ai suoi tesserati.
In questo mio intervento, voglio invece tentare, ancora una volta, di costruire un percorso comune con chi percepisce troppo negativamente la situazione del movimento pugilistico, fiaccando le energie e la passione degli addetti ai lavori.
Fermo restando che tutto può essere migliorato nei vari processi gestionali - anche con proposte formulate dalla base del nostro movimento (tecnici e società) - è necessario, se si vuole costruire un movimento unito, partire da un assunto: "la gestione di una Federazione ovvero di un vasto movimento, come quello pugilistico, è uno dei processi più difficili ed articolati del mondo sportivo".
Gestione che richiede - anche in coloro che ambiranno, un domani, a fare i dirigenti federali - conoscenze, capacità di sintesi tra le varie istanze che provengono degli addetti ai lavori ed esperienza maturata dall'esercizio della dirigenza in ambito territoriale (preferibilmente all'interno dei Comitati regionali).
Tra l'altro, il dirigente federale deve conoscere - per le inevitabili responsabilità che porta tale carica - anche i delicati procedimenti amministrativo contabili, utili alla gestione e distribuzione delle risorse, che hanno come epilogo la redazione dei bilanci "preventivo e consuntivo".
Chi segue con attenzione tali procedimenti e sa leggere i bilanci, sa benissimo che per far decollare nuove iniziative - per esempio aumentare i contributi alle societa o alzare i rimborsi per i servizi arbitrali - non esiste altra strada, attualmente, se non quella di spostare da un capitolo di bilancio all'altro le risorse disponibili. Per fare un esempio, solo poco tempo fa serpeggiava una corrente di pensiero che avrebbe voluto togliere l'attuale stanziamento (pari a circa 600.000,00 euro) - con cui pugili e tecnici partecipano gratuitamente ai 14 eventi nazionali - per spostarlo sull'organizzazione di eventi pugilistici. Un'ipotesi assurda che il Presidente Lai e tutto il Consiglio federale hanno rigettato con forza al mittente!
Per tale motivo, oggi i nostri sforzi gestionali devono essere diretti, prioritariamente, ad individuare ulteriori risorse, magari provenienti da sponsor, che possano soddisfare, già dal prossimo futuro, le esigenze dei componenti più importanti del movimento (atleti, tecnici società), senza intaccare l'attuale organizzazione ed i benefit che vengono erogati.
Proprio per incrementare le risorse, il Consiglio federale sta tentando di rilanciare il mondo Pro attraverso un serio e concreto progetto - gestito dalla società Artmediasport - che riavvici le maggiori emittenti televisive e, si spera, nuovi ed importanti sponsor.
In tale ottica, ritengo fondamentale tracciare una strada comune e, come io auspico da tempo, trovare una larga intesa - che magari sbocchi in un unico candidato Presidente alle prossime elezioni - individuando i soggetti più adeguati con cui realizzare un programma dettagliato di misure ed interventi da attuarsi nel prossimo quadriennio.
In altre parole, ritengo che prima dei programmi sia necessario individuare gli attori ovvero coloro che avranno le qualità per gestire la complessa macchina federale. Qualità che deve essere testimoniata, a mio parere, dal possesso di alcuni fondamentali requisiti tra cui:
1) umiltà, intensa passione e pazienza nel costante dialogo con le società ed i tecnici;
2) conoscenze manageriali non scevre da nozioni nel campo giuridico, amministrativo e contabile;
3) capacità di sintesi delle varie istanze che provengono dal territorio, poiché le stesse istanze sono spesso in conflitto tra loro;
4) comprovata onestà di chi vuole gestire un Ente che comunque deve rendere conto della gestione di soldi pubblici;
5) saper attuare, quindi, una politica gestionale che deve essere sempre mirata all'interesse generale del movimento pugilistico italiano e non tesa a soddisfare l'interesse del singolo tesserato e della singola società o, peggio ancora, dello stesso dirigente federale;
Per quanto mi riguarda, ritengo che l'onestà e la capacità di perseguire l'interesse generale debbano essere le caratteristiche prioritarie delle figure dirigenziali finanche del Presidente che da "buon pastore" deve essere scevro, nella gestione federale, da qualsiasi interesse personale soprattutto di natura economica.
Il Presidente Lai e tutti gli attuali dirigenti federali, centrali e periferici, incarnano tali qualità e per il prossimo quadriennio credo che il grande popolo del pugilato meriti ancora uomini che sappiano navigare nella direzione imposta dal "bene comune e dal rispetto delle regole".
Intanto, cominciamo a percorrere l'ultima parte di questo quadriennio che ci vedrà impegnati in prima linea - atleti, tecnici, società e Federazione - fino al mese di dicembre 2020 con il nuovo progetto Pro, gli eventi nazionali, l'attivitá ordinaria e l'importante tappa dei Giochi olimpici di Tokyo.
Il Vice Presidente Vicario
Dott. Flavio D'Ambrosi

Resoconto Consiglio Federale FPI, Roma 13 Aprile 2019

Ottima prospettive e forse una ritrovata unità d'intenti.
Si è celebrato il secondo consiglio federale del 2019. Tante le novita per il movimento pugilistico italiano che gia ad inizio anno ha manifestato tutta la sua vitalità nei primi tornei nazionali. Pensate che sono stati ben 306 i pugili Aob - in rappresentanza di ben 210 associazioni - che hanno partecipato, sempre gratuitamente, ai Tornei nazionali femminile e A. Mura. 
La vitalità del movimento pugilistico è testimoniata anche dal significativo incremento delle società affiliate che sono cresciute del 7% rispetto al primo trimestre del precedente anno, attestandosi a 905 contro le 815 del primo trimestre 2018. Un incremento che ha riguardato anche gli eventi pugilistici ed il numero di tesserati tra cui i pugili Pro.
Ciò testimonia quanto la federazione sia ancora ricercata ed appetibile nonostante qualche Ente di promozione eserciti, in violazione dello Statuto Coni, l'attività pugilistica che, ricordiamolo, è di esclusiva pertinenza della F.P.I.
Il dato piu positivo è però l'utile d'esercizio registrato bilancio consuntivo del 2018, pari a Euro 178.826,29. Un dato straordinario se si prendono in considerazione i cospicui investimenti fatti dalla Federazione a favore del movimento pugilistico, nel biennio 2017/2018.
In particolare, il bilancio consuntivo 2018 - approvato dal Consiglio con parere positivo del Collegio dei revisori dei conti - ci dice altresi che oltre 4.600.000,00 euro sono stati destinati all'attivita sportiva ovvero delle Nazionali, all'attività pugilistica ordinaria, pro ed aob, ai premi e contributi erogati a pugili, tecnici e società nonchè al sostegno delle nostre strutture. 
Peraltro, la Federazione è stata capace, contraendo alcune spese (quelle relative ai costi di funzionamento), di ottenere dei risparmi e quindi di produrre, come sopra detto, un utile d'esercizio che sarà riassegnato agli organi periferici per essere investito nell'attività pugilistica regionale.
L'altra importante novità, emersa dal Consiglio federale, è la straordinaria sinergia instaurata dalla Federazione con la società Artmediamix ovvero con la nuova branca Artmediasport che sta permettendo un vero e proprio salto di qualità del movimento Pro. Tale sinergia - che ha prodotto in pochi mesi anche un aumento dell'utenza fruitrice di spettacoli pugilistici in televisione - sta valorizzando il brand Fpi ovvero il movimento pugilistico italiano e nello stesso tempo sta incrementando le capacità della raccolta pubblicitaria a favore dell'attività soprattutto quella Pro.
Finalmente, con l'ausilio e la consulenza di Artmediasport, la Federazione e le societá organizzatrici stanno avendo accesso alle maggiori emittenti televisive - Rai (con la quale la Federazione sta finalizzando un accordo quadro), Eurosport e Mediaset - a cui si aggiunge DAZN che gia dal 2018 trasmette eventi pugilistici in virtù di un accordo con la società Opi 82. 
La stessa Artmediasport sta lavorando per portare grandi sponsor - alcuni dei quali hanno gia mostrato il loro concreto interesse - che sosterranno ed alimenteranno il movimento Pro. Il tutto a favore di società, pugili e tecnici che saranno coinvolti in progetti di comunicazione, portando in tv le esperienze pugilistiche che quotidianamente maturano nelle loro palestre.
La terza importante novità approvata dal Consiglio e l'inserimento di alcuni tesserati - proposti dal Presidente Lai su indicazione del Consigliere Giuseppe Macchiarola - nelle Commissioni amatoriale, giovanile, pro e comunicazione. 
In merito a quest'ultima commissione, mi fa piacere che il nominativo indicato ed approvato dal Consiglio, sia il campione Alessandro Duran che sono sicuro potrà portare la sua esperienza, maturata nell'ambito delle emittenti televisive, al già collaudato Team della comunicazione federale composto da Michela Pellegrini, Tommaso Cavallaro ed i giornalisti Stefano Buttafuoco, Alfredo Bruno e Remo D'Acierno. Con Alessandro Duran cercheremo anche di esaltare il lavoro di Dazn nei confronti del pugilato italiano, inaugurato da Salvatore Cherchi e dalla Società Opi 82.
Spero che tale avvicinamento ci possa portare alla mia tanto auspicata unione dell'intero movimento pugilistico italiano - da maturare, a mio modesto avviso, anche in seno alla prossima Assemblea elettiva del 2020 - che deve poter fruire di tutte le preziose risorse e la tanta passione che fanno parte del nostro glorioso movimento.
Prima di segnalarvi nel dettaglio i provvedimenti approvati dal Consiglio, mi preme evidenziare la saggia decisione del Presidente Lai che fin dall'inizio del suo mandato ha voluto fornire i giusti riconoscimenti agli atleti che hanno fatto la storia del pugilato, nazionale ed internazionale, consegnando tra l'altro la cintura ai Campioni Italiani che nel passato non avevano potuto ritirarla. 
In tale ottica, il Presidente ha anche proposto al CONI diversi nominativi che dovrebbero essere insigniti dei riconoscimenti previsti per i grandi atleti. Tra questi, il Presidente Lai ha individuato anche il Campione del mondo e Campione Europeo dei pesi massimi leggeri, Massimiliano Duran che è stato proposto per la massima onoreficienza del Coni: il Collare d'Oro. 
Accanto a Massimiliano Duran, verranno proposti per le premiazioni, fino alla fine del quadriennio, anche altri grandi campioni perché questo sia un quadriennio da ricordare.
Come promesso, vi segnalo adesso i provvedimenti approvati dal Consiglio:
1) approvazione Bilancio consuntivo 2018;
2) nomina nuovi componenti all'interno delle commissioni;
3) formalizzata la collaborazione con Artmediamix e l'intero nuovo progetto di comunicazione della Fpi;
4) aumento delle diarie e dei premi a favore dei pugili convocati in Nazionale e a favore delle società e dei tecnici degli atleti;
5) preso atto della bozza di classificazione, redatta dalla competente commissione, che servirà per l'inserimento dei disabili nell'attività pugilistica;
6) rifinanziato con euro 40.000,00 il torneo cinture Pro;
7) aggiornata la quota di fideiussione a garanzia delle borse dei pugili Pro;
8) conferite benemerenze a tecnici sportivi;
9) anche i pugili Elite potranno indossare il caschetto, nell'attività ordinaria, se i loro tecnici si accordano in tal senso;
10) gli Youth al secondo anno di tesseramento potranno incontrare gli Elite II;
11) i premi alle società inserite nella classifica 2018, saranno esclusivamente in denaro. Lo stanziamento per i premi è pari ad euro 53.000,00;
12) per la futura classifica del 2019, le società saranno premiate, separatamente, per l'attività agonistica, per l'organizzazione degli eventi, per l'attività giovanile e per quella amatoriale. Inciderà sulla classifica anche l'attività dei pugili Pro tesserati con le società;
13) approvati i premi ai tecnici e agli atleti per il 2019, pari a 43.000,00 circa;
14) affidati tutti gli eventi nazionali fino alla fine del 2019;
15) approvate le modifiche al regolamento attività giovanile;
16) approvata la partecipazione all'evento Rimini Wellness.
Il Vice Presidente Vicario 
Dott. Flavio D'Ambrosi

IL MOVIMENTO PRO METTE LE ALI - Il Punto del Vice Pres. D'Ambrosi

Chiusa la stagione dei profeti e delle formule magiche, il movimento Pro ha ricominciato a volare con apprezzabili spettacoli pugilistici organizzati con accurata professionalità.

La strategia messa in campo dal mese di settembre u.s., ha prodotto da subito le giuste sinergie tra Federazione e società organizzatrici tanto che oggi il pugilato sta acquisendo nuovamente quell’appetibilità – che da sempre ha caratterizzato il suo passato – per le maggiori emittenti televisive. 

Peraltro, già agli inizi del quadriennio il Consiglio federale è intervenuto con decisione a sostegno dell’intero movimento Pro, adottando provvedimenti che stanno contribuendo in maniera significativa al rilancio dell’intero settore: dalle incisive modifiche regolamentari – suggerite dalle società organizzatrici ed elaborare sapientemente dalla competente Commissione – ai cospicui sostegni economici che, dal 2017 ad oggi, superano i 400.000,00 Euro.   

Le società organizzatrici ed il settore comunicazione F.P.I. hanno poi fatto il resto, strutturando un’efficiente collaborazione che ha restituito innanzitutto alle parti in campo “compiti e responsabilità” ed ha disegnato una corretta sinergia tra struttura federale e società organizzatrici.     

All’insegna di tale strategia, la società organizzatrice “Opi 82” – condotta dall’esperto Salvatore CHERCHI - ha concluso uno straordinario accordo con l’emittente DAZN.

Sulla scorta del ritrovato entusiasmo e con il supporto federale, anche le altre società organizzatrici – da Davide Buccioni a Mario Loreni – hanno cominciato ad instaurare interessanti e proficui rapporti con le altre emittenti televisive: da Eurosport alla Rai.

Il vero decollo è avvenuto, tra l'altro, grazie alla collaborazione che la Federazione ha intrecciato con la società Artmediasport – guidata da Gian Marco Sandri – che sta aprendo scenari inimmaginabili, fino a qualche mese fa, per tutto il movimento pugilistico italiano.

In virtù di tale collaborazione, la Federazione ha avuto la possibilità di aprire concreti e reali rapporti con le emittenti televisive, attraendo sponsor e nuove vincenti partnership.

Proprio per questo, nel prossimo Consiglio federale, verrà esaminata la possibile strutturazione di un rapporto continuo con la società Artemediasport, consolidando i passaggi e le iniziative fin qui sviluppate.

Un'altra battaglia è vinta; adesso spediti verso i prossimi appuntamenti che ci porteranno ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020.  

IL VICE PRESIDENTE VICARIO

Dott. Flavio D’Ambrosi

Segui FPI sui social media

FPI - Federazione Pugilistica Italiana

Viale Tiziano, 70 - 00196 Roma

P. IVA 01383711007

Image
Image