Lente di ingrandimento

MISURE DI INTERVENTO A SOSTEGNO DEL MOVIMENTO PRO

MISURE DI INTERVENTO A SOSTEGNO DEL MOVIMENTO PRO

            Negli anni passati, la Federazione è stata accusata di non supportare adeguatamente il movimento professionistico tanto da sminuire il ruolo di “vetrina della nobile arte” che per decenni ha solleticato l'immaginario dei tanti appassionati ed affascinato intere generazioni. 

            Dopo circa vent'anni e la cocente delusione della Lega Pro Boxe, la Federazione è tornata ad investire seriamente nel Settore Pro attraverso una attenta strategia - sviluppata nell’intero quadriennio 2017/2020 - che ha gettato le fondamenta per il definitivo salto di qualità che non tarderà a venire, ne sono convinto, nel prossimo quadriennio.

            In concreto, il movimento Pro ha goduto di una nuova vitalità e visibilità in virtù di 5 fondamentali interventi:

1)     incisiva riforma dei regolamenti che ha facilitato l'attività, anche sotto l'aspetto organizzativo, ed ha garantito gli impegni economici presi dalle società verso i pugili. In tal senso, giova segnalare, tra le novità introdotte, la fideiussione che le società organizzatrici devono fornire a garanzia degli ingaggi dei pugili;

2)     la possibilità di tesseramento del pugile Pro alle ASD che ha facilitato il passaggio degli atleti nel mondo Pro e reso più agevole la gestione della carriera agonistica degli stessi pugili, sotto la conduzione tecnica dei loro insegnanti;

3)      l'attuazione di una concreta politica di ricerca del giovane talento Pro avvenuta attraverso il maggiore impulsoalle riunioni miste - la cui organizzazione è stata agevolata da misure di sostegno economico - e dall'istituzione del “Trofeo delle cinture”;

4)     il prepotente rientro degli eventi Pro nelle maggiori emittenti televisive (Dazn, Raisport, Eurosport) ed il lancio definitivo dello streaming FPI che ha permesso di veicolare gli incontri ai tantissimi appassionati, senza oneri a carico delle società organizzatrici, anche su piattaforme web di testate nazionali. Ciò anche grazie alla fondamentale consulenza della società ArtMediaSport;

5)     lauti stanziamenti sotto forma di contributi e di abolizione di tutte le tasse connesse ai servizi federali prestati per i maggiori eventi pugilistici Pro.

Su quest'ultimo punto mi preme evidenziare che dopo un ventennio asfittico, Il Presidente Lai e la sua squadra di governo hanno immesso nel circuito Pro oltre 700.000,00 Euro - di cui circa 220.000,00 nell'anno in corso – dando nuova linfa ad un movimento che rimane un perno strategicamente rilevante per il rilancio globale della nobile arte italiana.

Il Vice Presidente Vicario

Dott. Flavio D’Ambrosi

LA FEDERAZIONE INCONTRA I PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI. DECISO UN ULTERIORE STANZIAMENTO ECONOMICO A FAVORE DELLE SOCIETA’ AFFILIATE

LA FEDERAZIONE INCONTRA I PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI. DECISO UN ULTERIORE STANZIAMENTO ECONOMICO A FAVORE DELLE SOCIETA’ AFFILIATE 

Nella giornata odierna, la Federazione ha convocato la Conferenza dei Presidenti dei Comitati regionali.

Svoltasi in un clima di massima cordialità e spirito di collaborazione, la Conferenza ha registrato una perfetta unità di intenti tra la Federazione ed i Presidenti dei Comitati regionali. 

In apertura della Conferenza, il Presidente ha voluto illustrare i brillanti risultati raggiunti dalla Federazione in questo quadriennio, anche nel settore Pro dove si sono dovute scontare le molteplici criticità lasciate in eredità dal precedente quadriennio ovvero dalla Lega Pro. 

Nonostante la grave pandemia in atto, la Federazione sta riuscendo, con il determinante supporto delle società,  a portare avanti l'attività pugilistica nonché ad organizzare diverse manifestazioni tra cui quelli Pro. 

Peraltro, nel corso dei lavori sono stati chiariti alcuni punti del nuovo DPCM, concernenti le misure restrittive nei confronti dell’attività sportiva in generale e di quella pugilistica in particolare. 

Con i Presidenti è stata affrontata anche la tematica del sostegno economico alle Società affiliate e lo svolgimento delle Assemblee elettive che, tra l’altro, alcuni Comitati hanno già celebrato. 

Sul tema del sostegno economico, i Presidenti dei Comitati regionali hanno accolto con estrema soddisfazione la proposta federale di non far pagare alle società il rinnovo delle affiliazioni 2021.  

Alla fine della Conferenza, sono stati condivisi i seguenti punti:

1)      la Federazione fornirà un nuovo sostegno economico alle società affiliate che si tradurrà nel pagamento del rinnovo dell’affiliazione ivi compreso il tesseramento (con relativa premio assicurativo) del Presidente, dei consiglieri e del tecnico titolare della società. Ogni società quindi avrà un credito di Euro 365,00 sul Coninet che potrà utilizzare per il rinnovo dell’affiliazione 2021 che sarà quindi gratuita. Anche le società organizzatrici non pagheranno il rinnovo dell’affiliazione. Lo stanziamento complessivo per tale misura di sostegno ammonta a circa 340.000,00 euro;

2)      è consentito lo spostamento degli atleti dal proprio luogo di residenza - anche nelle Regioni rosse, all’interno e all’esterno del proprio comune nonché all’esterno delle proprie Regioni – per sostenere sessioni di allenamento finalizzate alle competizioni federali di interesse nazionale tra le quali le riunioni ordinarie Aob, Pro e Gym boxe. Sul punto giova evidenziare che le sessioni di allenamento possono svolgersi anche in previsione di competizioni che si svolgano nel 2021;

3)       è consentito lo spostamento dalla propria residenza, anche nelle Regioni rosse, per partecipare alle Assemblee elettive regolarmente convocate dalla FPI ovvero dai Comitati regionali;

4)      è consentito lo spostamento dei tesserati FPI dalla propria residenza, anche nelle Regioni rosse, per partecipare alle riunioni pugilistiche che si svolgono sotto l’egida della FPI;

5)      per lo svolgimento delle fasi regionali, che possono prevedere anche più di 8 incontri, dei Campionati Elite, i Comitati regionali potranno organizzarle entro il 6 dicembre p.v.;

6)      è stato chiesto ai Comitati regionali di individuare i tecnici sportivi o i maestri che possano ricevere l’ onorificenze federale Palma al Merito di cui all’art. 18 del Regolamento del settore tecnici sportivi.

La Federazione emanerà un’apposita circolare riguardante i punti 2, 3 e 4.  

Circolare n. 58 del 6.11.2020 - Eventi di interesse nazionale

Si continua con forza e determinazione a sostenere il nostro movimento pugilistico.

Noi non molliamo.

Il Vice Presidente Vicario FPI

Flavio D’Ambrosi

Il PUNTO DEL VICEPRESIDENTE D'AMBROSI - Noi non ci fermiamo.

Noi non ci fermiamo.

Nonostante la pandemia, la Federazione continua a lavorare per il futuro del movimento pugilistico nazionale.

La FPI e la Gazzetta.it saranno insieme per diffondere e raccontare, in diretta, gli eventi PRO.

In vista dei prossimi appuntamenti con il Pugilato Italiano PRO, la Federazione Pugilistica Italiana, in collaborazione con il suo advisor Artmediasport, ha avviato una media-partnership con Gazzetta.it per la trasmissione in live streaming di tre eventi titolati, in programma tra novembre e dicembre, che si svolgeranno secondo le direttive del protocollo federale, in materia di contenimento epidemiologico, e delle ultime disposizioni governative.

Maggiore visibilità, dunque, alla boxe italiana con un racconto in presa diretta che andrà a completare, con contenuti digitali sempre più ricchi, l’attività di comunicazione già prevista nella sezione Pugilato dell’area Fighting di Gazzetta.it.

Un altro importante servizio per il popolo della boxe che potrà seguire gli eventi di pugilato.

Noi non divulghiamo inutili promesse, che rasentano il mondo di Disneyland, facciamo i fatti reali!

Il V. Presidente Vicario.

Flavio D'Ambrosi

Resoconto Consiglio federale FPI: ROMA 30/10/2020

Nella giornata odierna si è svolto il Consiglio federale in modalità conference call. Il Presidente Lai e la sua squadra di governo hanno preso atto dell’alto gradimento, proveniente dalle nostre società affiliate, per la circolare federale che – nel rispetto della normativa anti COVID 19 – ha consentito di svolgere le sedute di allenamento agli atleti Gym Boxe, Aob e Pro.

Tra l’altro, dal mese di luglio u.s. si sono svolte molteplici riunioni (Pro ed Aob), i Campionati italiani femminili di categoria (i primi nella storia della FPI) ed i Campionati italiani schoolboys maschili che hanno garantito ai nostri atleti, una regolare attività.

Tuttavia, nell’ottica di tutelare i componenti del movimento pugilistico (atleti, tecnici, medici, arbitri, impiegati federali, ecc.), si è ritenuto opportuno rinviare al 2021 lo svolgimento delle fasi finali dei Campionati italiani junior e youth maschili

Tale scelta prudenziale è legata al forte incremento della pandemia nonché alle difficoltà che stanno affrontando i medici ed i presidi sanitari sull’intero territorio nazionale.

Per non pregiudicare i pugili già approdati alla fase finale, il Consiglio federale ha deciso che gli stessi parteciperanno ai predetti Campionati italiani a prescindere dal passaggio di qualifica che potrebbero maturare nel 2021, per ragioni anagrafiche. 

Come tante altre Federazioni sportive, nel prossimo anno avremo quindi due Campionati italiani riservati alle qualifiche junior e youth maschili; che questo sia di buon auspicio per il nostro movimento.       

Per quanto concerne il Campionato italiano Elite, il Consiglio federale ha deciso che – per il momento - le fasi regionali possono continuare a svolgersi come le riunioni ordinarie - queste nel limite massimo di 8 match a riunione - sempreché non intervengano nuovi provvedimenti restrittivi sia a livello nazionale che regionale. 

Tale scelta si basa sulle ridotte dimensioni di tali fasi regionali rispetto a quelle nazionali che comportano, invece, significativi spostamenti da una Regione all’altra nonché corposi assembramenti in un’unica struttura alberghiera. 

Ovviamente, le fasi regionali dovranno svolgersi nel rispetto della normativa vigente e del protocollo FPI che sarà oggetto di alcune nuove prescrizioni - è stato introdotto anche il tampone - finalizzati ad incrementare la tutela dei nostri tesserati.

SI CONTINUA NEL RISPETTO DELLE NORME E DELLA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE

SI CONTINUA NEL RISPETTO DELLE NORME E DELLA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE

Preso atto del DPCM del 24 ottobre 2020 e nel più rigoroso rispetto dei protocolli FPI e delle restanti norme di contrasto e prevenzione alla pandemia in atto, la Federazione ha emanato una circolare che consente alle Società Sportive Affiliate l’attività pugilistica, salvo successive disposizioni governative o regionali.

In particolare è consentito quanto di seguito indicato:

  1. gli eventi e le competizioni organizzate sotto l'egida e il controllo della Federazione Pugilistica Italiana, ovvero di Pugilato AOB, Pugilato PRO e Pugilato GYM BOXE, perché di tipo agonistico e riconosciuti di interesse nazionale. Gli eventi dovranno essere a porte chiuse e dovranno rispettare lo specifico Protocollo operativo e linee guida adottati dalla Federazione Pugilistica Italiana per le Riunioni di Pugilato;
  2. le sessioni di allenamento con contatto, a porte chiuse, degli Atleti agonisti della Federazione Pugilistica Italiana partecipanti agli eventi e alle competizioni di cui al precedente punto, in regola con le certificazioni mediche previste e con il tesseramento 2020 per Pugilato AOB, Pugilato PRO e Pugilato GYM BOXE (Certificato Medico B1). Anche tali allenamenti dovranno avvenire nel rispetto dello specifico protocollo e delle linee guida adottati dalla Federazione Pugilistica Italiana per gli allenamenti con contatto.

Peraltro, non sono consentite le sessioni di allenamento al chiuso (nelle palestre) degli Atleti, tesserati per la Federazione Pugilistica Italiana, nelle qualifiche Giovanili e prepugilistica, anche se svolta in forma individuale; invece è consentito che gli stessi pratichino attività in spazi all'aperto nel rispetto delle norme di distanziamento sociale, senza alcun assembramento, e delle altre precauzioni previste dai protocolli, come previsto dall’art. 1, comma 9, lettera d) del DPCM.

Al fine di fornire ulteriori, utili comunicazioni alle società affiliate, si fa presente che sono pubblicate sul sito sport.governo.it le indicazioni per la corretta attuazione del DPCM nonché le informazioni relative alle risorse economiche e alle misure previste dal governo per sostenere il settore.

Ancora una volta la Federazione e la sua intera struttura hanno fatto il massimo, lavorando sodo anche di domenica, per mettere in condizione il nostro movimento di continuare a svolgere l’attività pugilistica.

In tale ottica, questa settimana il Consiglio federale deciderà se continuare anche i Campionati italiani in corso. Decisione che dovrà tener conto della necessità di garantire la salute dei nostri tesserati e soprattutto dei giovani atleti.

Noi non molliamo.

Il Responsabile Del Settore Comunicazione

Flavio D’Ambrosi

Il PUNTO DEL VICEPRESIDENTE D'AMBROSI - Coraggio....non molliamo.

Coraggio....non molliamo.

La pandemia corre inesorabilmente come un fiume in piena che rompe gli argini. Siamo all'alba di nuovi provvedimenti, nazionali e locali, che incideranno drasticamente sulla quotidianità. 
Dobbiamo essere sinceri: si apre un periodo molto delicato e se la pandemia non allenterá la sua morsa avrà ripercussioni su tutto il mondo dello sport e probabilmente sui nostri eventi pugilistici. 
Lo scenario è complesso ma noi non molliamo. 
Per questo, già matedì sarà celebrato, in conference call, un Consiglio di presidenza ed il 30 ottobre p.v. si svolgerà un Consiglio federale. 
Come è già successo all'inizio dell'anno, la Federazione studierà ed adotterà tutte le misure e le iniziative necessarie a supportare le nostre società affiliate ed i nostri tesserati.
Attraverso il Presidente Lai, il Consiglio, gli Uffici, i settori federali ed i Comitati regionali vi forniremo sostegno, informazioni e cercheremo di farci portavoce delle vostre istanze, utilizzando quei canali istituzionali sperimentati con successo nei primi mesi della pandemia. 
Peraltro, per vincere questo drammatico match serviranno due fondamentali requisiti: coraggio e compattezza.
Sono sicuro che le nostre società sapranno agire con coraggio e determinazione. D'altronde tali qualità fanno parte del DNA del movimento pugilistico. 

Dovremo, però, essere anche uniti. Questo è il momento di scelte responsabili e comportamenti ancor più responsabili che dovranno tendere ad unire il movimento pugilistico nazionale.

Il futuro che si prospetta è come una strada accidentata, piena di incognite e solo uniti potremo superare i momenti difficili. 
Noi siamo pronti a salire, con voi, le scalette e a posizionarci al centro del ring.
Vietato mollare.
Flavio D'Ambrosi. 

EMERGENZA COVID-19: Disposizioni Attività Pugilistica in Italia

In riferimento al nuovo DPCM del 18 ottobre 2020, si comunica che attualmente sono consentiti gli eventi e le competizioni riconosciute di interesse nazionale e regionale dalle rispettive FSN anche per gli sport di contatto come recita l’art. 2 alla lettera g) “lo svolgimento di sport da contatto è consentito nei limiti di cui alla precedente lettera e) - articolo 1 al comma 1, lettera d), punti 1 e 2.  

Per quanto concerne le nostre attività, si precisa che competizioni organizzate sotto l’egida e il controllo della Federazione Pugilistica Italiana, ovvero di Pugilato AOB,  Pro e Gym Boxe, sono da considerarsi di tipo agonistico e di carattere nazionale , è che le stesse vengono svolte nel pieno rispetto degli specifici protocolli. Parimenti le sessioni di allenamento degli atleti agonisti degli sport individuali sono consentite nel rispetto dei protocolli emanati dalla FPI. 

Lo stesso DPCM recita che l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell'individuo attraverso l'esercizio fisico, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle Regioni e dalle Province autonome. Nello specifico degli sport di contatto, l’attività sportiva pugilistica dilettantistica di base e l’attività di avviamento (giovanile e pre-pugilistica) sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizione. Sono altresì sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale (non tesserati alla FPI).

 

 

 

Il movimento pugilistico continuerà la sua attività.

Il movimento pugilistico continuerà la sua attività. 


Dopo tanti sacrifici ed il massimo rispetto della normativa anti COVID, da parte della FPI e dell'intero movimento, sarebbe stata un'ingiustizia fermare il pugilato.
L'impegno federale, ad iniziare dal Presidente Lai fino all'ultimo tesserato, è stato determinante affinché ciò non accadesse. 
Attraverso contatti istituzionali - comprensivi di lettere e chiarimenti formulati dal nostro Segretario generale – abbiamo contribuito a far comprendere che il movimento pugilistico rispetta tutte le prescrizioni anti COVID compresi i protocolli FPI che hanno richiesto un duro lavoro di sintesi.
Pertanto, l’attività agonistica potrà continuare, compresi i Campionati italiani e le riunioni ordinarie, sempre nel massimo rispetto delle prescrizioni anti COVID e dei protocolli FPI.
A breve sarà emanata una circolare federale che fornirà i dettagli del nuovo DPCM.
Con pacatezza, equilibrio e rispetto delle regole, è stata evitata un'ingiustizia.  E di questo ringraziamo le Istituzioni governative e sportive per la sensibilità dimostrata

 Circolare n. 53 del 13.10.2020 - Emergenza COVID19

Il responsabile del settore comunicazione FPI
Flavio D'Ambrosi

Il PUNTO DEL VICEPRESIDENTE D'AMBROSI - UNITI SI VINCE

UNITI SI VINCE

Mentre immarcescibili caricature di “Jerry Lewis” ci raccontano le solite, vecchie barzellette dal contenuto messianico – a cui però nessuno crede più – il movimento pugilistico italiano e la Federazione stanno compiendo qualcosa di straordinario.

Nonostante le numerose restrizioni imposte dal COVID 19, l’attività pugilistica prosegue senza sosta, in virtù della determinazione e della forza degli addetti ai lavori (società, tecnici, arbitri, commissari di riunione e medici) e dell’intera struttura federale.

Dal fatidico mese di marzo, in cui fu sospesa l’attività sportiva, il Presidente Lai e la sua squadra di governo hanno agito senza tentennamenti, elaborando una vincente strategia di supporto al movimento pugilistico che ha previsto, fino ad oggi, un ingente impegno di risorse economiche pari a circa 1.600.000,00 euro di cui circa 700.000,00 euro erogati direttamente alle società e ai suoi tesserati.

Tali risorse hanno permesso di riavviare l’attività pugilistica che - malgrado le mille difficoltà conseguenti alla pandemia – registra dati più che soddisfacenti, evidenziando l’ottimo lavoro svolto dalle palestre e dalla F.P.I.

Accanto alle 132 riunioni (Pro ed Aob) messe in piedi dalle società – che hanno fatto combattere centinaia di pugili nelle diverse parti d’Italia – i Campionati italiani, programmati e sostenuti dalla Federazione, si stanno rilevando un ottimo viatico per rilanciare l’attività agonistica.   

La prima storica edizione dei Campionati italiani femminili di categoria ha visto la partecipazione di ben 120 atlete a cui si aggiungono i circa 200 atleti che parteciperanno alle fasi finali dei prossimi Campionati italiani maschili di categoria. Peraltro, non dimentichiamoci le fasi regionali di tali Campionati che hanno visto l’abbondante presenza di atleti, soprattutto nelle grandi e medie Regioni.

Per quanto concerne il Settore Pro, vorrei rammentare che in virtù del prezioso ausilio della Società Artmediasport, la Federazione Pugilistica Italiana è una delle poche ad aver occupato importanti spazi televisivi, anche in periodo di COVID 19.

In particolare, degli 8 eventi Pro titolati, 4 (3 Campionati Italiani ed 1 Titolo Int. IBF) sono stati trasmessi, nell’arco di soli tre mesi, su RaiSport. Mi sembra doveroso sottolineare che nel corrente anno, il Settore Pro ha potuto beneficiare di circa 250.000,00 Euro di sostegno all’intera attività.

In prospettiva, la Federazione sta pianificando un percorso che potrebbe portare, dal 2021, gli incontri Pro titolati anche su Sky ed Eurosport.

Nel frattempo, il Presidente Lai e la sua squadra di governo stanno studiando come fornire un ulteriore sostegno economico alle società, che dovrebbe vedere la luce nel prossimo mese di novembre, periodo i cui si svolgeranno le fasi regionali dei Campionati italiani assoluti propedeutici alla fase finale di dicembre p.v.

Il lavoro serio ripaga sempre.

IL Vice Presidente Vicario

Responsabile Del Settore Comunicazione

Dott. Flavio D’Ambrosi

La magica atmosfera del pugilato. La dimensione etica della nobile arte.

La magica atmosfera del pugilato.  La dimensione etica della nobile arte.


Nonostante quello che affermano vecchi pifferai - che emergono dal passato in forma di ologramma sbiadito - il pugilato sta risalendo dalle paludi dove si era insaccato nel precedente quadriennio. 
Lo straordinario lavoro dei tecnici e delle società, la programmazione e le risorse messe in campo dalla Federazione, cominciano a dare i loro innegabili frutti, anche in presenza della drammatica convivenza con il COVID.
Dopo la non riuscita esperienza della Lega Pro Boxe - sulle cui cause bisognerebbe riflettere, individuando gli errori commessi per non ripeterli in futuro - la Federazione ha saputo costruire anche la strada per il rilancio del movimento Pro, dotandolo di risorse economiche e riappropiandosi degli spazi televisivi che la nobile arte italiana merita.
La magica atmosfera del pugilato sta facendo il resto. Proprio ieri, nell'incontro tra Khalladi e Valentino, questa atmosfera ha permesso di far emergere, ancora una volta, la vera dimensione etica del pugilato che rappresenta un formidabile scrigno di valori e principi che sono alla base dei rapporti umani. 
L'abbraccio tra i due contendenti - alla fine del match - è stata la risposta più bella a chi dubita della inconfutabile funzione sociale ed educativa del nostro sport.
Anche su questo tema, la Federazione ha duramente lavorato -  in questo quadriennio - per esaltare l'immagine di una disciplina, il pugilato, che continua ad essere uno dei migliori strumenti per l'educazione ed il recupero sociale dei giovani, soprattutto nelle aree geografiche più soggette al degrado ed ai fenomeni di criminalità. 
La dimensione etica della nobile arte - di cui si ha testimonianza diretta nel rispetto che i pugili manifestano sul ring, nei confronti dei loro avversari - è certo il terreno fecondo per far crescere i successi del nostro movimento. 


Il V. Presidente Vicario 
Responsabile del settore comunicazione
Dott. Flavio D'Ambrosi 

Segui FPI sui social media

FPI - Federazione Pugilistica Italiana

Viale Tiziano, 70 - 00196 Roma

P. IVA 01383711007

Image
Image