Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Nuovo poster verticaleMilano, 12 aprile 2021 – Venerdì 16 aprile, nella manifestazione organizzata a porte chiuse da Opi Since 82-Matchroom-DAZN all’Allianz Cloud di Milano e trasmessa in diretta streaming da DAZN, il peso superleggero Armando Casamonica (1-0) sfiderà il 21enne croato Matija Petrinic (1-5) sulla distanza delle sei riprese. Casamonica avrebbe dovuto affrontare Davide Calì, ma quest’ultimo si è infortunato. Si tratta del secondo match professionistico per Armando Casamonica, che ha debuttato lo scorso 19 dicembre a Rozzano superando ai punti il serbo Milovan Dragojevic.

“Abbiamo messo sotto contratto Armando Casamonica perché crediamo in lui – commenta Alessandro Cherchi della Opi Since 82 – e non mi riferisco solo al talento pugilistico: Armando ha la passione per la boxe che lo spinge ad allenarsi seriamente ed infatti ha detto più volte che il pugilato è la sua priorità e che vuole arrivare al titolo mondiale. E’ questo l’atteggiamento giusto per arrivare in alto. Da non dimenticare, che Armando ha respirato la boxe fin da ragazzo. Sandro Casamonica è stato un pugile professionista dal 1992 al 2004 con un record di 34 vittorie e 5 sconfitte ed era gestito da mio padre Salvatore. Sandro è diventato campione d’Italia dei pesi leggeri, campione intercontinentale WBA e WBO ed ha combattuto per l’europeo ed il mondiale. Romolo Casamonica è stato professionista dal 1985 al 1996 con record di 30 vittorie, 4 sconfitte e 2 pareggi. E’ diventato campione d’Italia dei pesi welter e superwelter ed ha combattuto due volte per l’europeo dei superwelter. Tornando ad Armando, da dilettante ha vinto gli assoluti e questo è già un traguardo che fornisce una prova del suo valore. Avrebbe potuto proseguire la carriera dilettantistica, ma abbiamo pensato che fosse già maturo per intraprender e la strada del professionismo.”

Nel clou della manifestazione del 16 aprie, Fabio Turchi (18-1 con 13 KO) sfiderà il campione di Francia Dylan Bregeon (11-0-1 con 3 KO) per il vacante titolo dell’Unione Europea dei pesi massimi leggeri sulla distanza delle 12 riprese. Francesco Patera (23-3 con 8 KO) e l’ucraino Vadislav Melnyk (13-3 con 8 KO) si affronteranno per il vacante titolo Silver WBC dei pesi leggeri (sempre sui 12 round). I pesi supermedi Ivan Zucco (12-0 con 10 KO) e Luca Capuano (11-0 con 2 KO) si contenderanno il vacante titolo italiano sulla distanza delle 10 riprese.