Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

2BBBC472 6AF7 4D0B 81D2 27DA5F44F6A1La forza gravitazionale del pugilato.

Raisport trasmetterà le semifinali e le finali dei "Campionati mondiali femminili Aob" - dove è impegnata la nostra Squadra Azzurra - le cui eliminatorie prenderanno avvio nelle prossime ore.
Anche tale decisione dimostra come il pugilato - senza distinzione tra circuito Aob e Pro - stia riconquistando quella centralità nel mondo dello sport.
Da qualche anno, il mondo dei media, nazionali ed internazionali, manifestano un sempre maggiore interesse per la nobile arte in conseguenza del rifiorire della passione viscerale dei tanti tifosi.
In Italia, la nuova primavera del pugilato è testimoniata, altresi, dai dati registrati, nell'ultimo anno, in termini di affiliazioni e tesseramenti.
Dati che palesano un fortissimo incremento della pratica pugilistica, sia essa amatoriale piuttosto che agonistica, nelle palestre.
L'aspetto più confortante della positiva evoluzione, è il ciclopico aumento di giovani tesserati che si cimentano nell'attività agonistica e portano ottimi risultati anche a livello internazionale, come componenti delle varie squadre Azzurre.
Soltanto nel primo quadrimestre, sono stati oltre 1.200 i giovani pugili (uomini e donne) - della fascia d'età tra i 6 ed i 18 anni - che hanno partecipato ad eventi regionali e nazionali.
Rispetto al primo quadrimestre 2021 - anno già estremamente fecondo per le affiliazioni ed i tesseramenti - si è incrementato di circa il 15% il numero dei pugili agonisti, confermando un solido e costante trend di crescita dell'intero movimento pugilistico nazionale.
Parimenti, è aumentato il gradimento verso il pugilato femminile che in Italia ha trovato la massima espressione con il vivo e pregiato talento di molte nostre tesserate e la continua crescita di nuove giovani leve.
Il pugilato Pro non è da meno ed in Italia ricomincia ad alzare la testa con nuovi talenti trainati dal proscenio internazionale sempre più accattivante.
Venerdì p.v., assisteremo ad un interessante match che vedrà contrapposti gli italiani Scardina e De Carolis. Il match - che sarà tangente ai Campionati mondiali femminili Aob - è l'epilogo di un primo quadrimestre 2022 ricco di eventi che hanno riportato vigore nel circuito Pro italiano e, ne sono certo, rappresentano il primo tratto di un percorso verso il definitivo decollo del pugilato nazionale.
Il pugilato sta lentamente tornando - come lo scrivente aveva predetto qualche anno fa - baricentro di gravità e corpo fortemente attrattivo. Non poteva essere diversamente visto la sua inconfutabile spettacolarità tecnica e la sua forte spinta verso valori convergenti - che il mondo ha bisogno di ribadire - perno della relazionalitá coesistenziale.
Il Presidente Fpi
Dott. Flavio D'Ambrosi