Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Screen Shot 2019 08 20 at 12.04.14SI CONTINUA NEL RISPETTO DELLE NORME E DELLA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE

Preso atto del DPCM del 24 ottobre 2020 e nel più rigoroso rispetto dei protocolli FPI e delle restanti norme di contrasto e prevenzione alla pandemia in atto, la Federazione ha emanato una circolare che consente alle Società Sportive Affiliate l’attività pugilistica, salvo successive disposizioni governative o regionali.

In particolare è consentito quanto di seguito indicato:

  1. gli eventi e le competizioni organizzate sotto l'egida e il controllo della Federazione Pugilistica Italiana, ovvero di Pugilato AOB, Pugilato PRO e Pugilato GYM BOXE, perché di tipo agonistico e riconosciuti di interesse nazionale. Gli eventi dovranno essere a porte chiuse e dovranno rispettare lo specifico Protocollo operativo e linee guida adottati dalla Federazione Pugilistica Italiana per le Riunioni di Pugilato;
  2. le sessioni di allenamento con contatto, a porte chiuse, degli Atleti agonisti della Federazione Pugilistica Italiana partecipanti agli eventi e alle competizioni di cui al precedente punto, in regola con le certificazioni mediche previste e con il tesseramento 2020 per Pugilato AOB, Pugilato PRO e Pugilato GYM BOXE (Certificato Medico B1). Anche tali allenamenti dovranno avvenire nel rispetto dello specifico protocollo e delle linee guida adottati dalla Federazione Pugilistica Italiana per gli allenamenti con contatto.

Peraltro, non sono consentite le sessioni di allenamento al chiuso (nelle palestre) degli Atleti, tesserati per la Federazione Pugilistica Italiana, nelle qualifiche Giovanili e prepugilistica, anche se svolta in forma individuale; invece è consentito che gli stessi pratichino attività in spazi all'aperto nel rispetto delle norme di distanziamento sociale, senza alcun assembramento, e delle altre precauzioni previste dai protocolli, come previsto dall’art. 1, comma 9, lettera d) del DPCM.

Al fine di fornire ulteriori, utili comunicazioni alle società affiliate, si fa presente che sono pubblicate sul sito sport.governo.it le indicazioni per la corretta attuazione del DPCM nonché le informazioni relative alle risorse economiche e alle misure previste dal governo per sostenere il settore.

Ancora una volta la Federazione e la sua intera struttura hanno fatto il massimo, lavorando sodo anche di domenica, per mettere in condizione il nostro movimento di continuare a svolgere l’attività pugilistica.

In tale ottica, questa settimana il Consiglio federale deciderà se continuare anche i Campionati italiani in corso. Decisione che dovrà tener conto della necessità di garantire la salute dei nostri tesserati e soprattutto dei giovani atleti.

Noi non molliamo.

Il Responsabile Del Settore Comunicazione

Flavio D’Ambrosi