Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

14APB Caserta 1Il giorno 12 dicembre sarà quello del dentro o fuori per Clemente Russo, impegnato nel suo terzo match della fase Pre Ranking APB. Incontro decisivo, quello che lo vedrà opposto al forte kazako Pinchuk, perchè solo una vittoria consentirebbe a Tatanka di staccare il pass per la finale di Catania (in programma il 30 gennaio 2015 in quel del PalaCatania) nella quale ci sarà in gioco sia la qualificazione per Rio 2016 che l'accesso alla prima finalissima APB, che avrà luogo nel prossimo settembre. Russo avrà comunque il sostegno della sua gente, visto che questa terza tappa APB dei 91 Kg, la cui organizzazione l'AIBA l'ha affidata alla FPI, avrà luogo a Caserta presso il PalaMaggiò di Castel Morrone alle ore 21 di venerdì prossimo (Diretta Raisport 1 H 22.45 per il match di Russo cui farà seguito la differita degli altri tre incontri, ndr). Oltre al suddetto match, se ne svolgeranno altri tre: Bouloudinats (Algeria) vs Charles (USA); Golovaschenko (Ucraina) vs Peralta (Argentina); Egorov (Russia) vs Ahmatovic (Germania).


Russo, a due giorni dal match, racconta le sue emozioni e sensazioni in vista di quest'importantissimo appuntamento sulla strada verso Rio 2016.


 


1.  Cosa rappresenta per te questa nuova avventura nell’AIBA Pro Boxing?


Una novità esaltante. Della sigla professionistica APB (AIBA Pro Boxing) adoro il fatto che sia possibile combattere da professionisti mantenendo però l’eleggibilità olimpica. Io, ad esempio, voglio assolutamente arrivare ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016 e provare a giocarmela sino in fondo. Sogno la medaglia d’oro olimpica. Unico spazio vuoto nella mia bacheca.


2. Dopo aver vinto 2 medaglie d’oro ai mondiali, due argenti olimpici e svariati allori a livello europeo e italiano, come ti poni davanti a questa nuova sfida?


Determinato, come al mio solito.  Sono un Tatanka con la testa dura. Se mi pongo un obiettivo, infatti, faccio di tutto per riuscire a raggiungerlo. In questi quatto match APB voglio fare bene davanti al pubblico italiano, visto che avrò l’occasione di combattere nei palazzetti della mia terra: a Roma, Bergamo, Caserta e Catania. Voglio far felici le persone che mi vogliono bene e provare a staccare con anticipo il pass olimpico per Rio2016. 


3. A Bergamo è arrivata la prima sconfitta APB, che però non va ad intaccare le tue possibilità di arrivare alla finalissima di Catania e strappare il pass olimpico. Quali sono le tue sensazioni nel post Bergamo e nel pre Caserta?


A Bergamo inaspettatamente ho perso. Ho isato questo avverbio, perché comunque mi reputo sempre il più forte della categoria. Egorov però ha fatto un bell’incontro ma penso sia meglio essere stato battuto al secondo incontro piuttosto che al primo o addirittura al terzo, visto che questo passo falso non mi impedirà di continuare il mio percorso verso Rio. Detto questo, da ora in avanti non posso più permettermi di sbagliare, a cominciare dalla serata di venerdì 12 nella mia Caserta.


 


4. In quel del PalaMaggiò ti troverai di fronte il Kazakh Pinchuk. Cosa Pensi di questo pugile?


Sì, adesso al PalaMaggio combatterò con Pinchuk che sembra essere un pugile abbastanza bravo, molto esperto. E’ un Boxer molto mobile con il tronco e in possesso di braccia molto lunghe. Farò quindi molta fatica per colpirlo. Non sarà affatto facile perché viene dalla scuola kazaka, ergo ragion per cui il coefficiente di difficoltà di questo match sarà molto alto. Speriamo che il pubblico Caserta mi dia una marcia in più per portarmi a casa questa “semifinale”. Cosa che mi darà la possibilità di andare il 30 gennaio a Catania a boxare per il pass olimpico per Rio 2016.5. 


5. Rio 2016 fa rima con Oro Olimpico che rimane il tuo principale obiettivo?


Sì, la medaglia d’oro olimpico resta il mio chiodo fisso e proverò a fare del mio meglio per portarmela a casa prima di chiudere la mia corriera agonistica. E’ il mio sogno sin da bambino, quando mi sono appassionato a questo sport. 



COPYRIGHT FPI.IT