Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

PHOTO 2022 01 21 13 08 11ADDIO A GIOVANNI SANTORO, FU IL PRIMO MAESTRO DI CARDAMONE
Il pugilato irpino in lutto per l'improvvisa scomparsa del maestro Giovanni Santoro. Avellino e l'Irpinia devono a lui la nascita del pugilato sul territorio, l'Accademia Pugilistica Avellino fu fondata dal maestro Santoro nell'aprile del 1968 proprio negli anni della contestazione studentesca. Ma la sua passione per il pugilato affonda radici ben più antiche fin da quando accompagnava Ernesto Maglio (poi diventato storico massaggiatore dell'Avellino di Sibilia) alle sfide con gli americani della NATO a Napoli. Poi l'idea di realizzare la storica palestra sistemata nei locali terranei della scuola media Dante Alighieri. "Con Giovanni se va un protagonista della scena pugilistica campana - afferma il maestro Gerardo Esposito - E' stato il primo a unire la figura del tecnico a quella dell'organizzatore ed anche il precursore del pugilato in Irpinia". Nella sua palestra si formò Luigi Maisto, il primo pugile irpino ad arrivare in nazionale. Ma anche lo sfortunato Alfio Galdieri che per un infortunio alla mano dovette rinunciare alle preselezioni olimpiche. Ma il capolavoro Giovanni Santoro lo ha fatto scoprendo e lanciando il campione mondiale professionisti Agostino Cardamone. "non è facile accettare questo evento - si commuove il Martello di Montoro - E' stata per me la figura importante, fondamentale nella mia formazione, anche quando per ragioni di procuratori sportivi ci siamo divisi lui mi contattava sempre per darmi consigli e guidarmi. Mi mancherà davvero e per me resterà una persona indimenticabile". Anche gli attuali tecnici di pugilato Michele Picariello e Lodovico Pellecchia sono stati formati da Giovanni Santoro. "Il maestro Santoro veniva dalla grande scuola di Steve Klause - ricorda il presidente della Federcampania Rosario Africano - il suo lavoro, in anni difficili, ha sicuramente prodotto slancio a tutto il movimento pugilistico della nostra regione. Ha saputo costruire pugili e soprattutto organizzare attività lo ricordo spesso in compagnia del maestro Geppino Corbo nelle epiche sfide regionale. Sono vicino al dolore della famiglia ed a nome di tutto il comitato esprimo profondo cordoglio". L'ultimo saluto al maestro Giovanni Santoro e la funzione religiosa saranno celebrati domani (sabato 22 gennaio) alle ore 10.00 presso la chiesa di San Ciro in via Guido Dorso ad Avellino.