Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Screen Shot 2020 08 01 at 12.20.20Anche il Covid – 19 ha dovuto arrendersi di fronte alla ferrea volontà di Massimiliano Duran , deciso ad organizzare la 19° edizione del Memorial dedicato a papà Carlos , evento che si è tenuto ieri sera, al Velodromo ” Fausto Coppi” di Ferrara, con grande partecipazione di pubblico e nel pieno rispetto delle attuali norme sanitarie. Un vero e proprio show che, oltre al pugilato ha visto esibirsi il campione mondiale di Free Style ,Massimo Bianconcini ed il suo Team di acrobati motociclisti, nonchè il concerto del popolare batterista Ivano Zanotti e la sua band.Per quel che riguarda la parte pugilistica erano in programma sette combattimenti, quattro con impegnati pugili professionisti e tre riguardanti i dilettanti. Ad aprire la serata, i pesi gallo, Amed Obaid (Ferrara Boxe) ed il marchigiano Mattia Occhinero che si sono dati battaglia sulla distanza di quattro round. Il pugile di Roberto Croce ci teneva a riscattare la sconfitta subita lo scorso anno dallo stesso avversario, a cui doveva rendere sulla bilancia più di tre chili, facendo leva sulla propria velocità di braccia e di gambe per fronteggiare il costante avanzare del solido avversario. I giudici hanno decretato un risultato di parità, che non ha del tutto accontentato il pugile di casa. A seguire l’incontro tra i dilettanti Giacomo Mistroni (pug. Padana) che ha battuto prima del limite al terzo round, Lorenzo Frangiamone (Regis BO), mettendo in mostra notevole potenza,ed aggiudicandosi la coppa ” Massimo Calabresi ” quale miglior dilettante della serata. Di nuovo in scena i professionisti con i medio massimi Domenico Bentivogli (Pug.Padana) e l’imbattuto fiorentino Lorenzo Balli.Match assai combattuto,sempre in mano al pugile fiorentino, che ha mostrato una costante superiorità e che ha impegnato l’arbitro Quartarone per mantenere il match nei limiti della correttezza,richiamando entrambi i pugili nel 5° round. Senza discussioni alla fine il successo dell’allievo di Ivano Biagi. Nei superwelter la maggior esperienza del veneto Fabio Zambon (Boxe Cavarzere) aveva la meglio, dopo tre riprese abbastanza equilibrate su Ramadan Sulic (Pug.Padana). L’atteso confronto dei pesi piuma , tra l’imbattuto Mattia De Bianchi ed il ferrarese Mattia Musacchi non ha certo deluso le attese. Lo “Spartano” di Reggio Emilia avanza senza sosta, sparando una gran quantità di colpi, mentre Musacchi cerca di contrarlo con precisi colpi di sbarramento. Ne esce un incontro spettacolare che De Bianchi si aggiudica di Stretta misura, ribadendo la vittoria ottenuta qualche tempo fa, su un Musacchi a sua volta autore di un grandissimo match. Sorpresa nell’ultimo match tra dilettanti, dove Beniamino Vacca (Pug. Padana ), in odore di passaggio al professionismo, veniva battuto da James Polveri( Gordini Boxe) subendo anche due KD nel secondo round e rischiando la sconfitta prima del limite. La chiusura era riservata ai massimi Emanuele Venturelli (Duran) ed il campano Stefano Capone . Il pugile di Brognara interpretava meglio le prime riprese, su un Venturelli apparso un po contratto che non riusciva a trovare la giusta misura. La svolta del match si aveva nel quinto round quando un preciso gancio destro centrava in pieno Capone che finiva al tappeto. Il pugile campano si riprendeva ma doveva subire fino alla fine la superiorità di Venturelli che si aggiudicava meritatamente la vittoria con relativo trofeo Asi ” Carlos Duran”.