Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Screen Shot 2020 05 31 at 20.27.39Rimane difficile scrivere ancora “la boxe è in lutto”, ma le parole pur nella loro aridità diventano un epitafio. Noi perdiamo i pezzi in terra, ma lassù formano un mosaico variopinto dove sono incastonate tutte le loro imprese. A Torino se ne è andato Armando Scorda, 84 anni, un leggero che da dilettante fu strenuo avversario del grande Franco Musso. Ed esordì tra i professionisti proprio come il suo grande rivale nel 1960 dopo le Olimpiadi Roma. Scorda era un pugile completo, il suo fu un percorso incredibile di 21 vittorie e 3 pari per arrivare ad una sfida per il titolo italiano, solo che sul suo cammino trovò Aldo Pravisani, pugile estroso e capace di qualsiasi impresa durante una lunghissima carriera in Italia e in Australia. Scorda si battè come un leone a Falconara, ma perse prima del limite a pochi secondi alla fine di un match drammatico e applaudito. Come spesso succede perdere determinati match produce quel senso di insicurezza che diventa un compagno sul ring, anzi una spada di Damocle. Scorda entra a buon diritto nel numero dei re senza corona, lo dimostra il fatto che durante la sua carriera batterà pugili che erano stati o che diverranno campioni come Franco Rosini e Renato Galli, tanto per fare dei nomi. La sua carriera termina nel 1967 con un record di 23 vittorie, di cui 9 prima del limite, 4 sconfitte e 3 pari.

I funerali di Armando Scorda saranno celebrati Lunedì 1 giugno 2020 alle 15.30 a Pino Torinese presso la Parrocchia Santissima Annunziata in Via Maria Cristina 13