Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

E194B3BC A063 4A42 B16E A1C6A338A61DCoralità e compartecipazione. Gli elementi che stanno contribuendo all'esplosione del pugilato italiano.

Da poco sono terminati i mondiali assoluti femminili. Al di là delle due splendide medaglie, possiamo essere largamente soddisfatti delle ottime performance di tutta la Squadra Azzurra.
Come nel precedente mondiale assoluto maschile - anch'esso caratterizzato da due medaglie - tutto il Team Azzurro si è dimostrato altamente competitivo a livello internazionale.
Peraltro, la poderosa crescita del pugilato Aob è seguita a ruota dai primi segnali di crescita del movimento Pro. Proprio negli ultimi mesi abbiamo assistito ad eventi Pro di buon livello che hanno avuto un nuovo e pulsante riavvicinamento di tifosi e media.
Tutto il movimento pugilistico nazionale sta partecipando - in maniera straordinariamente corale - al decollo del pugilato italiano. Dalla prima all'ultima società affiliata alla Fpi, dal primo all'ultimo tecnico e Maestro - di qualsiasi Regione essi siano - stanno fornendo un contributo essenziale nella promozione e sviluppo della nobile arte, sia in termini quantitativi che di qualità.
Nonostante le difficoltà economiche e pandemiche, la grande famiglia del pugilato italiano cresce costantemente anche nei numeri degli affiliati, dei tesserati e degli eventi.
Nello stesso tempo, l'intero movimento pugilistico - motore e fulcro dei suoi successi - è interamente compartecipe di tutte le vittorie e compattamente ne assimila la positività.
Nel giorno del mio compleanno ho ricevuto una telefonata da un tecnico che, oltre agli auguri, mi ha elogiato con uno dei migliori complimenti - che, a mio avviso, può ricevere un Presidente federale - dicendomi: "Presidente la tua dote più bella è quella di farci sentire tutti partecipi e protagonisti dei successi del pugilato italiano"
Si è proprio così. Il movimento pugilistico italiano - nessuno escluso - è la sorgente dei suoi successi e quando essi arrivano tutti gli attori del nostro meraviglioso mondo pugilistico (società, tecnici, dirigenti, arbitri, medici, ecc.) ne sono protagonisti assoluti.
Adesso è il momento di tifare ancora i colori del Team Azzurro che, tra qualche giorno, sarà protagonista dei Campionati europei assoluti maschili e successivamente sarà la volta dei Campionati italiani under 22.
Buona visione e buone emozioni alla grande famiglia del pugilato italiano che vive ed ama intensamente la nobile arte.
Il Presidente Fpi
Dott. Flavio D'Ambrosi