Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Screen Shot 2021 04 30 at 15.52.44Ventitré anni per entrambe le medagliate azzurre, la più esperta Lamagna (kg 54) con il record di 73 match, di cui 50 vittorie, 4 pareggi, 19 sconfitte e la neofita a livello internazionale Simona Monteverdi (kg 64) con 16 match da dilettante di cui 10 vittorie, 6 sconfitte. Dal 7 al 9 maggio prossimo parteciperanno al torneo a squadre Wbl che si svolgerà a Pompei: Lamagna per il team del Piemonte e Monteverdi per quello della Lombardia. Già convocate per il ritiro sportivo al centro tecnico federale di Assisi (Pg) in vista degli Europei Under22 che si terranno a giugno a Roseto degli Abruzzi.

Giulia Lamagna

Ha iniziato a boxare a 13 anni su consiglio di molti suoi zii, tutti appassionati di arti marziali. Portacolori della Boxing Club Biella, è allenata dal maestro Roberto Scaglione. A 16 anni il suo debutto: "Il verdetto non è stato a mio favore – commenta Lamagna- perché avendo tenuto sempre la testa molto bassa durante il match, sono stata richiamata ufficialmente e, inevitabilmente, ha influito nel verdetto finale. Dopo quell’esperienza, non tengo più la testa bassa… Quell’inesperienza mi è costata molto cara. La prima convocazione azzurra è arrivata con la nazionale Youth quando avevo 16 anni - prosegue Giulia - a 18 sono passata tra le élite e sono la titolare dei kg 54". Tra le vittorie ottenute, ci sono due ori (2018- 2020) e un argento (2019) ai campionati italiani Assoluti, oltre al bronzo agli europei Youth del 2016 e al campionato Under 22 del 2018: "Anche se l’atleta non è mai contento del risultato ottenuto, quando non è la medaglia d’oro, in questo caso aver vinto l’argento in Serbia mi ha fatto superare l’ostacolo del costante bronzo - conclude - in questo torneo ho disputato quattro match. In finale, questa volta, non mi sono rilassata come è successo in altre competizioni ma sono riuscita a lottare fino alla fine. Da lontano ho taccato la medaglia d’oro e questa sensazione mi ha caricato ancor di più".

Simona Monteverdi

Tre anni fa incontra la boxe conoscendo il suo allenatore Davide Passaretti che la porta a frequentare la palestra Ruan Boxing di Milano. Il suo debutto tra le sedici corde avviene a Pompei nel torneo a squadre Wbl 2019 nei kg 64, componente del team Lombardia. Oltre alle medaglie sportive, da parte ha già una Laurea triennale in Scienze e tecniche psicologiche ed ora è iscritta al primo anno della Laurea Magistrale in Psicologia del Benessere presso la Cattolica di Milano. Ha le idee chiare anche per la carriera post sportiva: "Studio psicologia - dichiara Simona - e questo percorso accademico mi permetterà di diventare una psicologa sportiva. Nella valigia per le varie trasferte non mancano i libri universitari. Per la prima volta sono stata convocata in nazionale solo un mese fa - precisa Monteverdi - dopo aver vinto l’argento agli ultimi campionati italiani 2020. Questo torneo in Serbia è la mia prima esperienza a livello internazionale. Ho disputato due match: nel primo incontro sono riuscita a fare la mia boxe sulla lunga distanza, mentre nel secondo mi sono trovata ad affrontare la più esperta russa Alexandra Ordina che, tra l’altro, ha vinto i campionati europei nel 2016 e quest’anno i campionati russi. All’angolo avevo i tecnici federale Fpi Laura Tosti e Michele Caldarella, oltre al maestro Passaretti che è venuto proprio in occasione di questa mia prima esperienza estera".

fonte gazzetta.it