Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Nuovo poster Ring RoostersSabato 29 giugno, al palasport Salvador Allende, a Cinisello Balsamo, a pochi minuti da Milano, avrà luogo Ring Roosters, galà di pugilato, musica e spettacolo organizzato dal Francis Boxing Team di Francis Rizzo in collaborazione con la palestra Rocky Marciano di Elvis Bejko, con Emiliano Ronchi (in arte Emi Lo Zio) e con la società Super Mario 24 di Mario De Filpo. Salirà sul ring anche l’ex campione d’Italia dei pesi welter Michele Esposito che affronterà il georgiano Riti Migriauli (2-7-2) sulla distanza delle 6 riprese. Basta questa sfida a giustificare il prezzo del biglietto perché Michele Esposito è un professionista che dà sempre il 100% sul ring e garantisce spettacolo. Chi ama le emozioni date dall’imprevedibilità della battaglia, va a vedere i combattimenti di Michele Esposito.

Nato a Varese il 28 gennaio 1986, alto 174 centimetri, professionista dal giugno 2012, il 33enne Michele Esposito ha sostenuto 20 incontri con un bilancio di 15 vittorie, 4 prima del limite, 4 sconfitte e 1 pari. Il 31 ottobre 2015, a Ferrara, ha tentato per la prima volta l’assalto al titolo italiano pareggiando contro Alessandro Caccia. Si è trattato di un pari tecnico: dopo due minuti e otto secondi dall’inizio del primo round, una testata involontaria ha provocato un taglio sulla fonte di Esposito e l’arbitro non ha avuto altra scelta che porre fine alla contesa e dichiarare il pari. Il 27 maggio 2016, a Piacenza, Michele Esposito ha raggiunto il suo obiettivo di diventare campione d’Italia dei pesi welter con una vittoria per knock out tecnico al nono round contro Giacomo Mazzoni. Il 3 marzo 2017, a Crotone, Michele Esposito ha perso il titolo contro Tobia Giuseppe Loriga. Alla quinta ripresa il match è stato interrotto a causa di una testata accidentale che ha provocato un taglio sopra la fronte di Esposito. In quel momento Loriga era in vantaggio sui cartellini di due giudici con i punteggi di 49-48 e 49-47, mentre il terzo giudice aveva 49-47 in favore di Esposito. Il 16 marzo 2018, Michele Esposito ha provato a riprendersi il titolo italiano (che era stato dichiarato vacante) affrontando Nicola Cristofori a Cernusco Sul Naviglio, alle porte di Milano. Al termine di dieci riprese, i tre giudici avevano lo stesso punteggio: 97-93 in favore di Cristofori. Da quel momento, Michele Esposito ha ottenuto quattro vittorie consecutive, la più recente venerdì 31 maggio, al palazzetto del centro sportivo Forza & Coraggio a Milano, superando ai punti il georgiano Nika Nakashidze dopo 6 riprese. Fin dal debutto professionistico, Michele Esposito è seguito dal maestro Vincenzo Ciotoli della palestra Forza & Coraggio di Milano. A Ciotoli chiediamo come procede l’allenamento di Esposito.

”Michele si sta allenando con la consueta serietà – spiega il maestro Ciotoli – ed infatti non fa mai fatica a rientrare nel limite dei pesi welter (66, 680 kg). Quando non combatte pesa al massimo 4 kg in più. In questi anni Michele è migliorato tantissimo dal punto di vista tecnico. All’inizio non usava mai il diretto, con me ha imparato quanto sia efficace. Quando è diventato campione d’Italia ha spedito al tappeto Giacomo Mazzoni

proprio con un diretto destro. Contro Tobia Loriga, secondo me, Michele non ha perso. Michele merita di combattere nuovamente per il tricolore, ma anche per un titolo internazionale. Sto lavorando per concretizzare una delle due opportunità ad ottobre. Il match di Ring Roosters gli serve per combattere con continuità. Per un professionista, è importantissimo non perdere contatto con il ring. A questo è servito anche il suo ultimo match contro Nika Nakashidze che aveva un record di 7 vittorie, 6 sconfitte e 1 pari. Aveva ottenuto il pari in Francia contro il beniamino locale Mickael Lacombe nel match precedente a quello contro Michele. Insomma, il georgiano era un avversario valido per Michele. Tra l’altro, il palazzetto della Forza & Coraggio era strapieno. Michele si considera un fighter, un combattente che viene sempre avanti, che ama la battaglia, ma con me ha imparato quanto sia importante la strategia. Quando un pugile vince prima del limite, con un pugno solo, si pensa sempre che sia dovuto alla sua potenza. In realtà, quel pugno è stato provato mille volte in allenamento.”

Il palasport Salvador Allende si trova in Via XXV aprile n.3 a Cinisello Balsamo ed è facilmente raggiungibile da Milano: basta prendere la linea 1 della metropolitana e scendere a Sesto F.S. dove si trova il collegamento per Cinisello. La capienza è di 1.250 posti. I biglietti per Ring Roosters costano 20 euro per la tribuna e 25 euro per il parterre. Si possono acquistare sul sito www.diyticket.it