Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

foto3 IMG 8450 copiaLo sport può contrastare efficacemente la povertà infantile intesa non solo come condizione economica, ma nel suo significato più ampio: povertà educativa, alimentare, relazionale di quegli individui e famiglie che si trovano in situazioni di disagio socio economico e a rischio emarginazione.

A dimostrarlo sono i risultati e le analisi del progetto ForGood. Sport è benessere che saranno presentati martedì 29 maggio 2018 presso il Salone d’onore del CONI a Roma, nell’ambito della conferenza “Lo sport come contrasto alla povertà infantile” organizzata da Sport Senza Frontiere al termine di 3 anni di lavoro nei quartieri marginali di 3 grandi città italiane, Napoli, Roma e Milano e a Buenos Aires, Argentina.  

Il progetto ForGood. Sport è benessere è un intervento di inclusione sociale e prevenzione sanitaria attraverso la pratica sportiva rivolto a bambini/e e ragazzi/e in condizioni di disagio socio-economico che sono stati inseriti in corsi sportivi assistiti, hanno avuto la possibilità di ricevere uno screening pediatrico approfondito e un counseling psicologico rivolto al nucleo familiare

22 gli enti socio assistenziali e sanitari coinvolti, 400 bambini inseriti nelle attività sportive e seguiti per 2 anni, 126 le società sportive dove hanno potuto praticare 30 diverse discipline sportive,1000 le visite mediche effettuate. 3 le università coinvolte. 

L’Università di Tor Vergata ha affiancato il progetto elaborando il protocollo relativo allo screening sanitario e analizzando i risultati delle visite mediche effettuate. Importante è stata anche la collaborazione con la Fondazione dell’Università del Foro Italico che attraverso il suo Centro di Medicina dello Sport ha svolto le visite mediche su Roma, mentre del comitato tecnico-scientifico di Sport Senza Frontiere fa parte il Prof. Fabio Bocci della di Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università Roma Tre.

Il progetto ha permesso di affiancare al lavoro socio-educativo-sportivo, che costituisce lo strumento di intervento principale di Sport Senza Frontiere, un’azione di prevenzione e tutela della salute dei bambini e delle famiglie. Il modello di intervento elaborato, incentrato sulla costituzione di reti di prossimità sul territorio, è stato studiato per contrastare il “drop out” sportivo e favorire il processo di inclusione del bambino.

Forgood. Sport è benessere ha ricevuto il premio “Sport ed integrazione” del CONI e nel 2016 il Dipartimento di biomedicina e prevenzione dell’Università di Tor Vergata ha avviato un progetto di ricerca, diretto dalla Prof.ssa Ersilia Bonuomo. Grazie a Tor Vergata inoltre, il progetto è stato presentato allo IUNS 21st International Congress of Nutrition di Buenos Aires e a Torino al Congresso Nazionale della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica.

La conferenza di svolge all’interno di #bealive una giornata dedicata allo sport e ai suoi valori, organizzata allo Stadio dei Marmi dalla Fondazione Cortile dei Gentili, Sport Senza Frontiere e Opes, con il Patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura e del CONI e in collaborazione con SKY.

A conclusione del progetto la conferenza vuole essere un momento di riflessione sul lavoro svolto, per presentare il modello d’intervento elaborato ed utilizzato e i dati raccolti per continuare con più efficacia il lavoro di integrazione sociale dei bambini e delle bambine attraverso la pratica sportiva.

PROGRAMMA

Apertura e saluti

  • ·Maria MoroniModeratrice (giornalista e pugile, prima donna tesserata dalla Federazione Pugilistica Italiana, avvocato e docente Tor Vergata)
  • ·Giovanni Malagò Presidente del CONI 
  • ·Alessandro TappaPresidente di Sport Senza Frontiere racconta il lavoro dell’associazione

Povertà infantile e sport: il contesto italiano

  • ·Prof. Leonardo Palombi Direttore del Dipartimento di Medicina e Prevenzione, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università Tor Vergata
  • ·Prof. Fabio PigozziRettore dell'Università degli Studi di Roma “Foro Italico
  • ·Dr.Tommaso AntonucciDirettore generale ISTAT 
  • ·Prof.ssa Caterina Gozzoli,Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, Facoltà di Psicologia
  • ·Padre Melchor SanchezDipartimento Cultura e sport, Pontificio Consiglio per la cultura 

I risultati: "Sport è benessere" di bambini e bambine

Il progetto ForGood di Sport senza frontiere: Napoli, Milano, Roma, Buenos Aires

Dr.ssa Sara Di Michele, Psicologa, Responsabile del progetto, Sport senza frontiere 

I numeri del progetto ForGood: analisi dei dati sulla salute

Dr.ssa Stefania Moramarco Ricercatrice, Dipartimento di Medicina e Prevenzione, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università Tor Vergata 

Sport e inclusione sociale

Prof. Fabio Bocci Docente di Pedagogia speciale, Facoltà di Scienze dell’Educazione, Università Roma Tre 

Stefano Pasta Comunità di Sant’Egidio

TESTIMONIANZE: PARLANO I BAMBINI E ALTRI PROTAGONISTI DEL PROGETTO FORGOOD

Conclusioni e ringraziamenti

Alessandro Tappa, Presidente Sport Senza Frontiere alle Fondazioni che hanno sostenuto Forgood: Enel Cuore, Fondazione Cariplo, Fondazione Charle Magne, Fondazione per il Sud.

 

SPORT SENZA FRONTIERE Onlus (SOCIAL PARTNER FPI) lavora per un mondo in cui lo sport sia un diritto accessibile e riconosciuto come strumento di educazione, inclusione e coesione sociale.

Sport Senza Frontiere promuove l’inclusione sociale e il benessere psicofisico per bambini e giovani svantaggiati, progettando e organizzando percorsi educativi assistiti in collaborazione con una rete solidale di associazioni sportive e medico sanitarie. I/le bambini/le e i/le giovani sono seguiti da un team multidisciplinare formato da educatori, psicologi, mediatori culturali, istruttori sportivi, medici, con strutture sanitarie di riferimento e in collaborazione con il Dipartimento di Sanità Pubblica di Facoltà di Medicina -Università di Roma Tor Vergata. Attualmente Sport Senza Frontiere opera a Roma, Milano, Napoli, Torino e Buenos Aires. 

Fotografie disponibili 

Video : https://www.youtube.com/watch?v=9MWNfyo7K8w&t=8s