Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

locandinaREGGIO EMILIA. Il pugilato e lo storico stadio Mirabello di via Matteotti, da alcuni anni, costituiscono un binomio indissolubile e vincente, con una delle due palestre della Boxe Tricolore Olmedo (l’altra è a Cella) situata nella pancia della struttura, dove decine di atleti agonisti e amatori si allenano duramente tutte le sere agli ordini dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi. Nondimeno, il piccolo ‘palazzetto’ adiacente alla palestra, sempre gremito di appassionati, ha già ospitato numerose manifestazioni organizzate dal promoter Sergio Cavallari, in cui i pugili reggiani hanno potuto raccogliere sul quadrato i frutti dei loro sacrifici. 

Sabato 15 giugno il ‘matrimonio’ sarà completo, con il ring che sarà allestito all’aperto sul prato dello stadio, e con il pubblico che potrà seguire le gesta dei guerrieri della Boxe Tricolore Olmedo dalla tribuna centrale. Undici gli incontri del ricco programma proposto da Cavallari (primo colpo di gong alle ore 20.30), con il momento clou affidato ovviamente al professionista reggiano Mattia ‘Lo Spartano’ De Bianchi, il quale si cimenterà per la prima volta in carriera sulla distanza delle otto riprese contro il georgiano Khvisha Gigolashvili. Il 21enne peso supergallo del Team Cavallari-Ventura darà tutto sè stesso per ottenere la sesta vittoria in altrettanti impegni da pro, con l’obiettivo chiaro in testa di poter combattere nei prossimi mesi per il titolo italiano della categoria.

“Mi è dispiaciuto - commenta Mattia - quando ho saputo che non siamo riusciti a trovare un avversario italiano del mio peso che venisse a combattere a Reggio, anche se nello stesso tempo mi dà fiducia il fatto che tutti mi scansino. La gente vede il nome straniero e pensa che sia un incontro facile, e ho tutto da perdere: se vinco ho solo fatto il mio dovere, ma l’incontro non è affatto facile”. Gigolashvili infatti, esponente della gagliarda scuola georgiana, nonostante li suoi 24 anni ha già disputato 46 match sui ring di tutta Europa contro i 5 dello Spartano, affrontando i migliori pesi supergallo europei ed in qualche caso andando a batterli fuori casa, com’è accaduto in Francia e in Inghilterra. Non sarà un cliente facile.

Nel ‘sottoclou’ saranno impegnati dieci giovani dilettanti della Boxe Tricolore Olmedo, tra i migliori componenti della squadra che in questi anni sta dando lustro al pugilato reggiano: in ordine di apparizione Blendon ed Erlond Morina, Abdelhamid Ddou, Arnaldo Marku, Samuel Serradimigni, Alfred Commey, Ettore Sergio, Ali El Ouahabi, Ivan Goretchii e Ilirjan Kodra.