Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Screen Shot 2019 06 15 at 12.58.53IL MOVIMENTO PUGILISTICO LAZIALE UNO STRAORDINARIO MODELLO DA IMITARE.

Nella giornata odierna, si è svolto il programmato incontro tra lo scrivente e le società pugilistiche laziali. Incontro fissato dal Comitato regionale Lazio - che ringrazio per l’impegno profuso nell’organizzazione dell’evento - ed arricchito dalle premiazioni di atleti e società che si sono distinti per l'attività svolta nel 2018.

Come le societá dei tanti Comitati regionali visitati dal sottoscritto, le società laziali hanno aderito in massa all’incontro, mostrando interesse e vivo apprezzamento per i lusinghieri risultati ottenuti – in questi ultimi due anni - dalla Federazione e verso i tanti provvedimenti emanati a sostegno del movimento pugilistico nazionale.

Nel corso della riunione sono stati anche illustrati i dati relativi alle attività ed ai risultati del movimento pugilistico laziale. Attività e risultati straordinari legati ad un modello gestionale – attuato, ormai da oltre 15 anni, dal locale Comitato regionale - che ha condotto il Lazio ad essere elemento trainante dell’intero movimento pugilistico nazionale.

I dati del 2018 ci dicono che il Lazio ha affiliato ben 160 società (circa il 18 % del totale società affiliate alla F.P.I.), tesserato 6991 persone fisiche tra pugili, arbitri, dirigenti e tecnici sportivi. Le società laziali hanno avuto altresì la capacità di organizzare ben 178 eventi pugilistici di cui 50 Pro.

A tale mastodontica attività è corrisposto anche un numero rilevante di titoli nazionali. Negli ultimi due anni, 2017-2018, gli atleti laziali hanno ottenuto ben 26 Titoli (tra Campionati Italiani, di categoria ed assoluti, e Guanto d’Oro maschile e femminile) e 23 medaglie d’Argento nelle medesime competizioni nazionali

Negli stessi anni (2017-2018) il Comitato regionale Lazio ha potuto distribuire alle società laziali – in virtù delle disposizioni emanate in tal senso dalla Federazione – oltre 82.000,00 Euro provenienti dagli introiti dei corsi di formazione ovvero di aggiornamento. Come ho già spiegato in altri Comitati, le società affiliate stanno fruendo della possibilità di utilizzare, attraverso i Comitati regionali, degli introiti dei corsi di formazione e aggiornamento regionali. Solo nel 2018, tutti i Comitati regionali hanno distribuito alle società affiliate, sotto forma di contributi, circa 180.000,00 euro. Una vera e propria forma di concreto sostegno all’attività delle palestre.

Le società laziali hanno accolto con estremo favore la filosofia che sta guidando la Federazione ed il suo Presidente, Vittorio Lai, incentrata sulla ricerca del talento attraverso le capacità, la quotidiana passione e la professionalità dei tecnici e delle società.

Per tale motivo, la Federazione ha investito – negli ultimi due anni – oltre due milioni di euro per garantire un’adeguata attività nazionale e regionale – totalmente gratuita per gli atleti ed i tecnici – accompagnata da contributi, erogati alle società ed ai tesserati, connessi con l’attività ed i risultati raggiunti.

Dopo l’ondata di affetto ricevuta dalle società laziali, il sottoscritto si recherà, continuando il suo tour presso i Comitati regionali, in Veneto dove il 18 giugno incontrerò le società di quel territorio.

IL V. PRESIDENTE VICARIO

Dott. Flavio D’Ambrosi